NEWS
mercoledì 20 settembre 2017 ore 05:38
Ss. Andrea Kim e compagni
IL GIORNALE IN EDICOLA
LETTERE
lodi
18 agosto 2017

L’atteggiamento del sindaco nei confronti della proposta di reinvestire nella riqualificazione dello svincolo della Faustina parte dei ribassi d’asta e dei risparmi di spesa della tangenziale di Casalpusterlengo è deludente e incomprensibile. C’è l’opportunità di trovare una soluzione ad una indiscutibile priorità viabilistica non solo di Lodi ma del territorio e tutto quello che la Casanova riesce a dire è che “si avvicinano le elezioni”? Come ha già sottolineato l’on. Guerini, a noi non interessano le polemiche, vogliamo affrontare i problemi e quello della Faustina è un problema serio, che attende da tempo che si creino le condizioni, soprattutto finanziarie, per rimuovere un nodo critico della viabilità provinciale. Ora c’è in campo una proposta concreta, che avrebbe bisogno di essere sostenuta da tutti, facendo prevalere il senso di responsabilità istituzionale rispetto al gioco politico delle parti. Il sindaco e la nuova amministrazione comunale dimostrino concretamente che la Faustina rappresenta una priorità, bastano poche ma significative azioni: mettere al primo posto dell’agenda della ripresa di settembre un incontro con Anas, per un confronto sulle soluzioni tecniche da adottare (sottopasso, sovrappasso, riqualificazione della rotatoria etc.); stanziare a bilancio e nel programma triennale delle opere pubbliche le risorse per una analisi aggiornata dei flussi di traffico ed uno studio di fattibilità; collaborare con tutte le istituzioni locali ed i rappresentanti del territorio in Regione ed in Parlamento alla costruzione di un’intesa che garantisca che le risorse risparmiate per la tangenziale di Casalputerlengo vengano reinvestite sulla tratta lodigiana della Ss 9 Emilia. Non è difficile: basta volerlo.

Partito democratico di Lodi

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
5 commenti.
jena 22 agosto 2017 17:26
Di politica Italiana me ne intendo poco. Ma il PD a Lodi ne ha fatte più di Bertoldo. E adesso si svegliano. Chi ha scritto la lettera? Si può sapere il nome? Vediamo se hanno il coraggio di rispondere ai loro concittadini. Mi sa tanto di no.
scontenta 21 agosto 2017 10:08
dov'era il partito demnocratico in questi anni di degrado e incuria???
siete mai andati in giro per Lodi a piedi osservando la città con occhi critici, con gli occhi di chi vive nella città, di chi l'amministra ,di chi ci è nato, di chi ha visto città decenti???
ora fare un po' di gite nelle altre città , guardate bene come sono e preparatevi per le prossime elezioni, almeno saprete che cosa dovrete dirci per intortarci!
firmato:una cittadina che amaramente si pente di avervi , in passato ,votato voi e l'ex sindaco
Luciano56 19 agosto 2017 11:36
Vi siete svelati dalla catalessi? Molto bene, benvenuti nella via reale. In vent'anni avete fatto poco e niente e adesso tirate fuori dai cassetti impolverati soluzioni che sono rimaste decenni sepolte sotto mucchi di scartoffie e vane promesse. Ora mi aspetto idee brillanti anche sulla riqualificazione dell'isola Carolina, sul decoro della città, sulla valorizzazione delle periferie e su tutti quelli argomenti che a parole siete bravissimi a risolvere.
scontenta 18 agosto 2017 15:41
non so se ci si rende conto delle condizioni di Lodi
jena 18 agosto 2017 11:57
Basta volerlo dice il PD. Perché non hanno MAI Mai mai niente? 20 anni in panciolle. Ecco cosa hanno fatto PCI, Margherita fino all'attuale PD. Zero.