NEWS
mercoledì 26 luglio 2017 ore 00:46
Ss. Gioacchino e Anna
IL GIORNALE IN EDICOLA
LETTERE
Sicurezza a Lodi
Prima di parlare di un falso allarme forse dovreste vivere di più la città
12 luglio 2017

Egregio Direttore,
ringraziandola anticipatamente per lo spazio che gentilmente vorrà concedermi Le chiedo spazio nella rubrica, per rispondere/controbattere ai Signori Restucci e Pensa.
Gentilissimi Signori, nella vostra missiva sostenete che a Lodi si percepisca un «falso senso d’insicurezza», eppure sono di dominio pubblico notizie sui vari casi di «violazione della legge» (a volte eclatanti e gravi, altre un po’ meno), vedasi i casi d’omicidio recentemente avvenuti, il rinvenimento di sostanze stupefacenti in un parco cittadino e almeno un caso di rapina a mano armata nello stesso parco!
E tralascio i piccoli accadimenti come quello avvenuto in un passato non troppo lontano in cui un questuante ha sputato in faccia ad una donna dopo che si è rifiutata di versare l’obolo, o ancora l’illegale richiesta di denaro da parte di parcheggiatori abusivi per parcheggiare sul suolo pubblico tra l’altro già soggetto a parchimetro.
E qui mi fermo, non per carenza di casistica ma perché i casi già elencati mi paiono sufficienti!
Se posso vorrei permettermi un consiglio cari signori, vivete maggiormente Lodi, parlate con la gente e seguite la cronaca locale perché di motivi per non sentirsi sicuri ce ne siano.
Cordiali saluti

Giacomo Cofferati, Lodi

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
3 commenti.
xenon 14 luglio 2017 10:52
Passando ieri da questo parco, vedo tutte le panchine occupare da migranti. Sporco, immondizia attorno alle panchine e, anche se anche i lodigiani lo fanno, erano seduti sulla spalliera con i piedi sulla seduta. I lodigiani avranno almeno messo un centesimo delle loro tasse, per comprare le panchine. Questi stranieri, no! Vivono alle nostre spalle ma non ci rispettano e non rispettano la "NOSTRA" città. Oltre alla carta d'identità, dategli un bel foglio di imbarco immediato.
Sol Invictus 13 luglio 2017 15:12
Vivamus mea lesbia atque amemus
xenon 13 luglio 2017 09:43
Giacomo, non è così. Portavamo, noi e altre famiglie, i bambini in questo parco. A causa di molta maleducazione e altro ci siamo dovuti astenere a farlo. Noi vivavamo il parco, ma siamo state costrette ad abbandonarlo.