NEWS
mercoledì 26 luglio 2017 ore 00:46
Ss. Gioacchino e Anna
IL GIORNALE IN EDICOLA
LETTERE
Elezioni Lodi
Hanno vinto con la paura ma non esiste il caso sicurezza
10 luglio 2017

Non sono stati l’odio e il livore politico a far vincere il candidato della Lega Nord, e il riferimento è alla lettera pubblicata il 3 luglio scorso sulle pagine de Il Cittadino, dove i due firmatari probabilmente, la mattina seduti al bar davanti a una tazza di caffè, leggendo il giornale, cercano di fare un’analisi politica e di merito sul voto del ballottaggio avvenuto il 25 giugno scorso.

La prima cosa forse da dire, anche per smentire in parte quanto detto dai firmatari, è che chi crede nella politica, non ha paura dell’avversario. Chi fa politica, quella fatta in maniera vera, non finalizza “all’arrivo” o alla conquista della “poltrona”, non può avere timore di una campagna elettorale, anche se, quella fatta in città dal centro destra, ha fondato le proprie basi sui fantasmi della paura. La propaganda, la percezione della paura, la sensazione trasmessa per la mancanza di sicurezza, veicolata tramite i classici slogan ai cittadini lodigiani, come una caccia alle streghe, che si è materializzata poi nel bisogno della ricerca di un cambiamento, ha prodotto i suoi effetti.

Lodi in ogni caso non soffre, più di altre città, un problema di sicurezza e di controllo del territorio.

E in ogni caso, sarebbe bene ricordarlo, la responsabilità della tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza dei cittadini, non è attribuibile al Sindaco della città o alla sua Giunta.

Viceversa, anche se lo stesso Sindaco, in un contesto cittadino, è chiamato a collaborare negli ambiti di competenza dell’ente locale per un migliore espletamento della funzione della sicurezza, la responsabilità della tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, è sempre di esclusiva competenza del Ministero dell’Interno e per quest’ultimo, l’Ufficio Territoriale di Governo.

Anche su quest’aspetto, forse il centro destra si è attribuita una competenza non propria, sbandierata, peraltro come cavallo di battaglia in campagna elettorale. Quindi, dicono bene i sigg. Paina e Aliprandi, una vittoria servita su un piatto d’argento alla Casanova, ma con un amaro contorno, quello di una vincita basata sull’ambiguità.

Infatti, quale è stato il motto ricorrente di tutta la compagine di centro destra? “Spazziamoli via”, quindi non messaggi costruiti su proposte o progetti di merito, ma solo propaganda sull’importanza del cambiamento. La voglia di un cambiamento che peraltro la sinistra lodigiana, forse frastornata, impegnata probabilmente più in una politica di cortile, con comitati elettorali strettamente legati a un’agenda un po’ troppo ingessata, non ha saputo leggere, interpretare e quindi cogliere i segnali che la città cercava di trasmettere.

Tutto questo, senza ulteriori polemiche, comunque è diventata storia del passato, come al passato appartiene anche la vicenda dell’apparentamento, che nel merito e per raggiungere un obiettivo, ci sta anche bene, ma a tale proposito, forse è giusto fare un parallelo: il marito che tradisce la moglie, può avere tantissime giustificazioni che servono a sollevarlo moralmente dall’aver compiuto l’azione, ma alla fine, rimane un fatto certo e concreto, quello di aver tradito la moglie.

In ogni caso, il confronto elettorale è finito, quelli che fanno politica al bar, di fronte a una tazzina di caffè possono stare tranquilli, nessuno vede l’avversario politico come un nemico da sconfiggere e, certo non siamo in guerra. Considerato in ogni caso che effettivamente il popolo è sovrano, a questo punto, si deve solo augurare buon lavoro alla nuova Amministrazione. Certo i problemi da risolvere sono tanti, ma la speranza rimane quella che la nuova compagine amministrativa, saprà affrontarli con giudizio, con fatti concreti e, questa volta, veramente per il bene della città.

Antonio Restuccia - Umberto Pensa

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
19 commenti.
<< < 1 2 > >>
sergioalessi 24 luglio 2017 08:33
ma dove vivete? a Paperopoli?
andrealuzzi 12 luglio 2017 10:39
Ammesso che non esista " il caso sicurezza " esiste certamente ed è in ATTESA DI GIUDIZIO il caso " assegnazione gestione piscine / formattazione / arresto del sindaco .....credo che abbiano vinto soprattutto per questo , gli sconfitti ne prendano atto .
bruno59 12 luglio 2017 08:33
Mi domando il perchè di tanto livore contro i perdenti...
Timori ? Calmi.Adesso si comincia, no?
Druido 11 luglio 2017 20:38
@gigia, tra un po non sarai più lodigiana...ma marziana e cioè abitante del pianeta rosso!
gigia38 11 luglio 2017 17:29
Sono lodigiana ma sono contenta di non votare a lodi. Gli slogan propagandistici mi hanno fatto dire che simo scesi molto in basso.
Druido 11 luglio 2017 12:39
Ahahah....Mission to Mars!
sergioalessi 11 luglio 2017 11:57
restate "nel solco di Guerini" e prendete atto della sconfitta
Fender 11 luglio 2017 10:29
"Non esiste il caso sicurezza".... ah ah ah. Meglio ridere o pingere' per fortuna vi state estinguendo! Tornate al piu' presto sul pianeta rosso a cantarvela tra di voi!
woofer 11 luglio 2017 08:29
Luciano grande verità lo slogan elettorale usato da Uggetti per presentarsi quale papabile Sindaco si è rivelato poi la più grande bugia raccontata ..le periferie al centro ....e poi se ne son disinteressati è il risultato è tutto da cedere
MountainBike 10 luglio 2017 21:29
C'è una canzone dei The Rokes, bisogna saper perdere,stop !!!!!!!!!!!