NEWS
domenica 25 giugno 2017 ore 07:28
S. Guglielmo da Vercelli
IL GIORNALE IN EDICOLA
LETTERE
Appello
Facciamo sentire a Gabriele che ci siamo e lo sosteniamo
21 aprile 2017

Carissimi, come saprete Gabriele Del Grande è in stato di fermo in turchia da 10 giorni.

Le trattative finora portate avanti dalla Farnesina non hanno ancora avuto esito e Gabriele ieri ha iniziato lo sciopero della fame.

È importante far arrivare la nostra pressione.

Conosciamo Gabriele da tanti anni, ha anche abitato a Modica per qualche tempo e abbiamo collaborato con lui per iniziative sulle migrazioni.

È molto conosciuto per il film «Io sto con la sposa», ma da anni molto più silenziosamente si occupa del sito Fortress Europe che documenta tutte le sparizioni di migranti nel Mediterraneo.

Era in Turchia, Siria, Iraq da qualche mese per un lavoro di reportage sulla guerra e i traffici che da lì nascono.

Avevamo partecipato l’anno scorso come cooperativa al crowfunding che ha permesso la sua partenza e che sosterrà il lavoro che ne uscirà (libro, documentario) come sempre di grande livello e importanza.

Nel frattempo seguiva e sosteneva progetti che via via incontrava nei suoi viaggi.

Non vediamo l’ora di riabbracciarlo e faremo tutto il possibile perché questo avvenga presto.

Nel frattempo sosteniamolo con la meditazione e un pensiero pieno di energia in questi suoi momenti di resistenza silenziosa, nell’isolamento e sotto una forte pressione.

Noi ci siamo: facciamoglielo sentire!!

Fate girare a tutti quelli che potete invitando a firmare:

https://www.change.org/p/angealfa-per-il-ritorno-a-casa-di-gabriele-del-grande

Sara Ongaro

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
3 commenti.
xenon 24 aprile 2017 12:27
Dobbiamo fare la nostra parte? Tutti però. Dopo Regeni, siamo andati a riempire i kebab egiziani, che costano meno. Ora con quelli turki, cosa facciamo? Evitiamo di andare nei locali e nei negozi di quelle nazionalità che ci recano un qualsiasi danno. Così, tanto per far capire ai vari governi che siamo solidali.
giancarlo.colombo.11@alice.it 22 aprile 2017 16:00
Gianlone, si è importante far sentire che siamo in tanti a sostenere la causa della sua libertà
giancarlo.colombo.11@alice.it 22 aprile 2017 15:58
Gianlone
Si è utile, far sentire che ci siamo e siamo in tanti a sostenere la causa della sua lobertà