NEWS
mercoledì 26 aprile 2017 ore 12:02
S. Marcellino papa
IL GIORNALE IN EDICOLA
LETTERE
sanità
Da 225 giorni mia madre aspetta di essere operata in ospedale a Lodi
18 aprile 2017

Questa mia non vuole essere un atto di accusa nei confronti di nessuno, ma una domanda per capire quanto viene rispettata la salute dei pazienti. Mia madre deve essere operata (e non dirò né il tipo di operazione né il reparto in cui deve essere ricoverata) e fa una scelta ben precisa: vuole essere operata a Lodi, crede nel nostro ospedale e nei medici e negli infermieri che quotidianamente mettono la loro professionalità al servizio dei lodigiani e non.

Ricordo che viene da una famiglia di medici:ancora oggi molti ricordano suo padre e suo marito nonostante siano passati molti, troppi anni dalla loro scomparsa.

Fa una visita e le viene “garantito” che sarebbe stata chiamata per l’intervento entro 180 giorni.

Non ricevendo alcuna chiamata, proviamo a telefonare al reparto, ma “non possiamo dare indicazioni di sorta” è stata la risposta.

Aspetta e aspettiamo finché un giorno a causa del dolore deve recarsi al Pronto Soccorso: il medico chiama il reparto e viene garantito che entro tre settimane sarebbe stata chiamata per l’intervento.

Non ho detto che nel frattempo erano già passati più di sette mesi.

Trascorse anche le ultime tre settimane, dopo una telefonata che ha avuto i medesimi esiti delle precedenti (“non possiamo dare alcuna indicazione”) mi reco in reparto ed una infermiera gentilissima verifica che i giorni trascorsi erano ormai 222 (rispetto ai 180 previsti).

Con oggi siamo arrivate a 225 e nessuna chiamata è arrivata.

Mia madre è una donna ancora attiva, ma in tutti questi mesi ha sofferto e non riesce ad uscire di casa, se non a fatica, accompagnata a e non più di una volta al giorno.

Ci siamo ripromesse di aspettare ancora qualche giorno, ma nel frattempo cominciamo a muoverci verso altre soluzioni e verso altri Ospedali.

Chi ripaga mia madre del dolore e delle rinunce fatte a causa dell’impedimento ad uscire di casa?

Sinceramente non riesco a darmi una spiegazione

Antonella Rugginenti

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
10 commenti.
PAMPURIO 20 aprile 2017 09:55
e se non si hanno i soldi si chieda a loro di restituire il maltolto.

Sono 246 e costano alle casse pubbliche 10 milioni e 700 mila euro lordi all’anno. Sono i percettori di un vitalizio della Regione Campania. Politici ed ex politici, ex ministri, editorialisti, imprenditori, docenti universitari, avvocati, spesso persone ancora in piena attività.
PAMPURIO 19 aprile 2017 17:18
Allora:
si fa la vista privata da chi ti deve operare.
si paga (questo è importante)
si attende nel breve una telefonata che puntualmente arriva come per magia.
Semplice no?
c.c. 19 aprile 2017 12:54
Buongiorno, nel lontano gennaio 2015, dopo un mese d'attesa, sono stata visitata e messa in lista per un intervento al polso; dopo ripetute chiamate da parte mia a cui veniva risposto di aspettare, il chirurgo è stato trasferito a Codogno... altra trafila, gennaio 2017 ripeto 2017, finalmente pre-ricovero. Da parte dell'ospedale nessuna chiamata, fine febbraio chiamo ma è presto, fine marzo chiamo ma il chirurgo si è trasferito a Gallarate... cosa si potrebbe dire?
soncino@email.it 18 aprile 2017 19:06
La cosa triste è che, purtroppo, ci siamo abituati a questo schifo.
lucia 18 aprile 2017 17:47
Conti che a questo punto ,superati i previsti giorni di attesa,avrebbe anche il diritto di rivolgersi a un struttura privata e essere rimborsata dall'Asl o come diavolo si chiama ora.
Alberto 18 aprile 2017 16:10
Anche io devo fare un piccolo intervento a Lodi, e sto aspettando la chiamata da circa 750 giorni, ho provato a chiamare più volte per sollecitare ma non c'è stato verso. Per fortuna nel mio caso non è nulla di grave, altrimenti se non si hanno tanti soldi per farsi operare privatamente si fa prima ad andare al cimitero prima che in sala operatoria. Purtroppo questa è l'Italia
SPEZZATINO 18 aprile 2017 13:42
Anche al San Raffaele mi dissero entro sei mesi. Si è risolta al settimo mese grazie a una conoscenza. Troppe cose in Italia funzionano così.
scontenta 18 aprile 2017 12:25
quattro ospedali nel lodigiano,
quanto ci costano?
quanti dipendenti?
Fedra 18 aprile 2017 12:05
Signora Rugginenti, ammirevole la vostra volontà di restare fedeli all'ospedale di Lodi, però fossi in voi me ne andrei senza se e senza ma in un altro ospedale (soluzione spesso consigliata dagli stessi medici dell'ospedale di Lodi, per darle un'idea di come siamo messi...)... è un peccato? Certamente, avere un ospedale che non funziona è una pena infinita, ma la salute viene prima di tutto
PAMPURIO 18 aprile 2017 11:58
A questo punto si prende atto della situazione (vergognosa) si sceglie un altro ospedale (vivamente consigliato). Poi denunci il tutto alla Procura.