NEWS
mercoledì 29 marzo 2017 ore 05:19
S. Secondo
IL GIORNALE IN EDICOLA
LETTERE
LODI
Problemi segnalati da tempo che esigono risposte concrete
28 dicembre 2016

Egregio direttore, vorrei iniziare la mia lettera citando la seguente frase di Stephen Littleword: “Nei giorni di nebbia puoi smettere per un attimo di guardare, puoi respirare, ed ascoltare… chiudi gli occhi e concentrati sulle tue sensazioni, perché anche un giorno di nebbia non è per caso.” Potremmo riflettere su ciò e catapultarci in questa splendida visione poetica, noi di Lodi, che nel periodo invernale ogni mattina ci alziamo con questa atmosfera nebbiosa. Ogni giorno ci troviamo a dover percorrere una strada in macchina, ma anche a piedi, quindi data la situazione atmosferica dobbiamo guardare la segnaletica orizzontale e verticale per non smarrire la retta via. Pertanto sono estremamente importanti le condizioni di sicurezza e la corretta viabilità, per non parlare delle condizioni dei marciapiedi e la cura degli spazi pubblici.

Le appena citate caratteristiche purtroppo sono quasi inesistenti nella frazione cittadina dell’Olmo, dove nella giornata di domenica 11 Dicembre è approdato il gazebo dell’iniziativa #proposteperLodi, nella prima delle tre frazioni, una delle ultime “tappe del tour di Lodi” promosso da Lorenzo Maggi con un gruppo di giovani e meno giovani, ormai da 8 mesi ininterrotti.

Partiamo quindi dalla condizione di incuria generale delle strade e dalla totale assenza di segnaletica a terra che solitamente ci suggerisce il corretto utilizzo dello spazio pubblico. Molti residenti lamentano di una pulizia strade inesistente che sovente viene fatta in proprio da volenterosi cittadini che amano il decoro urbano. Vi sono altresì diffuse richieste di maggiori aree di aggregazione o perlomeno la presenza di attività commerciali al piede raggiungibili dai residenti senza dover utilizzare l’automobile, in quanto il servizio di trasporto pubblico cittadino offre uno scarso numero di corse, soprattutto negli orari di fine scuole e verso sera e, se possibile, incrementarne anche al sabato e alla domenica. Si pone poi una importante questione inerente il pericoloso ingresso alla frazione dalla via Emilia, in entrambe le direzioni, trattasi dell’incrocio tra Cascina Cavrigone e Via dell’Olmo, quest’ultima, arteria principale di notevole importanza per il piccolo borgo, necessiterebbe della reintroduzione di un dosso in prossimità della strettoia del ponte, anche perché vi è presente ancora oggi la corrispondente segnaletica verticale.

Passando invece all’ingresso secondario, se così lo vogliamo chiamare, di via Vecchia Cremonese ad unico senso di marcia, molto dibattuto dalle contrapposte opinioni dei residenti, che probabilmente potrebbe rimanere tale ma avente dotazioni stradali adeguate per la promiscuità di mezzi di trasporto transitanti, mentre all’unanimità si reclama illuminazione. Vi sono pareri contrapposti anche per quanto riguarda la ingente presenza di immigrati, ospitati in appartamenti privati adibiti a centri di accoglienza, poco distanti dalla antica chiesetta dell’Olmo, che tuttavia trovano accordo nell’ipotesi di coinvolgerli sistematicamente in lavori di pubblica utilità, creando anche una possibilità in più per essere maggiormente integrati nel quartiere. Una soluzione che permetterebbe ai temporanei ospiti di non perdere abitudini del vivere in comunità in questo periodo di permanenza obbligata nel Lodigiano. I cittadini lodigiani quasi all’unanimità vorrebbero che vengano intensificati i controlli, sia per motivi di sicurezza, sia per tentare di limitare l’azione degli incivili che utilizzano gli spazi pubblici come discarica a cielo aperto o addirittura come latrina. Infine non sono mancate le lamentele per il funzionamento del servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta che si pensa possa essere migliorato, nello specifico di via 2 Giugno si prevede una frequenza non idonea per il numero di residenti, costretti a rimedi di fortuna.

Abbiamo conosciuto persone straordinarie in questo percorso di ascolto e credo che si debba dare risposte concrete ai problemi che i residenti della zona segnalano da diverso tempo.

C’è bisogno dell’aiuto di tutti, perché soltanto con la collaborazione e un’ottima organizzazione si può trovare una magnifica soluzione. Ci tengo infine a ringraziare tutti coloro che hanno dedicato qualche minuto del loro prezioso tempo impegnandosi a rispondere alle domande del nostro consueto questionario.

Beatrice Granata - proposteperlodi@gmail.com

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
6 commenti.
raperonzolo 30 dicembre 2016 16:17
Petronio, quanto da lei criticato trova esauriente risposta nel commento di Boing. Il "problemino di sintassi" mi piacerebbe si verificasse spesso negli scritti di molti, se tutto il resto dell'esposizione letterale fosse come questa lettera.
Boing 30 dicembre 2016 15:37
In un ventennio di oblio da Ferrari a Guerini ad Uggetti, nulla è cambiato, i problemi son sempre gli stessi. In vent'anni di governo, hanno fatto promesse mai sostenute dai fatti. Ora speriamo che si risvegli la coscienza popolare per proporre l'alternanza e per vedere se cambiando qualcosa cambia. Se non cambiamo non possiamo giudicare, se non cambiamo non possiamo confrontare. L'unica certezza del non cambiamento è prepararsi ad altri cinque anni di nulla, di tenebra.
Petronio 29 dicembre 2016 10:57
A parte qualche problemino con la sintassi della nostra amata quanto bistrattata lingua, vedo in questa lettera la solita tiritera di chi va alla ricerca di consensi in vista delle prossime amministrative: si tratta peraltro di questioni annose,portate da decenni a conoscenza dei "politici" nostrani di destra e di sinistra, che mai hanno ottenuto una concreta risposta.
Segnalo infine che ci sono corse di autobus fin oltre le 19.00 e per niente utilizzate!
PAMPURIO 29 dicembre 2016 10:16
ronf...ronf...
Liberalmind 29 dicembre 2016 09:50
azzzzzzzzzzzz :)
jena 28 dicembre 2016 18:40
Zzzzzz.....