NEWS
giovedì 24 agosto 2017 ore 03:14
S. Bartolomeo
IL GIORNALE IN EDICOLA
FONDI
Il dialetto
La ricèta di marìŝàn a la parmigiàna
2 agosto 2017

Son cunvìnta che l’Italia la sìa el post püssè bèl del mund. Ghém tüt: màri, mùnti, culìne, làghi, pianüre, àrte e cultüra, natüra, genialità, mudernità e antichità… Gh’ém Rùma, Firénse, Nàpuli, Milàn, Turìn… la Sicìlia, la Sardégna, le Dolomìti… Cui nòstri splendùri püdém sufègà de belèsa tüti i àltri Paìŝi. Gh’è gnànca da mét a pàri. Quànta ròba bèla! E i Italiàn ‘ndue i a metém? Vöri és mudèsta: popolo di santi, artisti, scienziati, poeti, geni, eroi, navigatori… Gh’na tachém amò de qualità? Fermémos chi, ma gh’na sarés amò. Comùnque bèla gént, un po’ matòta, ma ‘nteligénte, deŝmurbàda e bùna da desputiàs da tànti trapèi… E gh’n’è tànti! Gh’na vegném sémpor föra ànca se ‘macàdi. Vivém in un mund cumplicàd; tüti i omi in tüti i part i èn in dificultà a capì quèl ch’l’è adré a sücéd e che ròba tùca fà. La glubaliŝasiòn, l’emigrasiòn, la pulìtica, l’ecunùmìa, la religiòn, la féd, la muràl i èn diventàdi püsè cumplèsi che in pasàd. Deŝmenteghemòs no p’rò che ànca ni àni pasàdi gh’èra le guère, la puertà, l’ingiustìsia, la viulénsa: èra no tüt ròŝe e fiòri tàme quaidün diŝ: “Ai me témpi!” Adès sém püsè infurmàdi de quèl che sücéd ànca ni pòsti luntàna e le ròbe i ne pàrun magàri püsè quarantuténte, ma el bén e ‘l mal i gh’èn sémpor stài, tàme adès. Tirém inàns. Ma mi vurèvi no fà chèl discùrs chi; son ‘ndài a imputiàm in arguménti che, ‘péna p’r ‘nviài, ghe se vurarés cént pàgin. Lasém stà i ragiunamentòn e turném a parlà d’le belèse d’l’Italia. Cul me om sém ‘ndài ‘na stemàna sü la costiéra amalfitàna e dintòrni. Ém vist Napoli, Amalfi, Sorrento, Positano, Salerno, Caserta e la réggia meravigliùŝa, Paestum cun la so stòria millenària. La costiéra amalfitàna, supratüt vìsta dal mar, l’è ‘n paradìŝ! Viàltri sti tüti ben? Sèri un pò indecìŝa se parlàu di rob bèi ch’ò vist, perché so che gh’è tanta gént che pöd no mövos da cà per tànti mutìvi, de salüt o d’àltor, p’rò pö ho pensàd che püdèva tégnov cumpagnìa ‘na ciciaràda, invéce che sütà a sént e pensà a le brüte nutìsie. Sicùme son italiàna, quìndi poéta, ve scrìvi ‘na mè puéŝìa che pàrla di girasùi. T’la chi: I GIRASOLI - Fianco destro! / Fianco sinistro! / Avanti! / Dietro front! / Diritti, allineati, / tutti in fila. / Non pensano, / ubbidiscono, / sono soledipendenti. / Sono girasoli. / Chi è cresciuto /nelle retrovie / sogna, sempre, / solo in giallo; / chi è fiorito / nelle prime file / vede il mondo al di fuori / dal suo campo, / ma, proprio, / non gli importa più di tanto. / Sono contenti? / Mi pare di sì, / ma io non potrei / vivere così. / Rincorro i colori / dell’arcobaleno /dai languidi viola / ai rossi più accesi, / invidio le idee / che scappano su, / sempre più su, libere, / sfidando, spavalde, / il sole dall’alto. / Respiro nel vento! //

‘Sa diŝìu? La v’è piàŝüda? La pensì tàme mi o vurarésu és di girasùi lecapè? Adès gh’ò da deŝmét da fà la poéta e gh’ò d’andà a fà la cöga. Si’ ‘so pensàd da fà incö, tant per cambià un po’? Marìŝàn a la parmigiàna. Sicùme son ‘na fressaröla, ò truàd ‘na ricèta ŝvèlta: gh’è no da fà cöŝ o frig i marìŝàn, ma i se drövun sübot da crüdi. I a làvi, i a tài a fetìn sütìle sütìle, i a méti in un culapàsta cun d’la sal gròsa. I a làsi un po’ süta sal per fagh pèrd l’amàr, pö i a reŝénti, i a süghi e fò i stràti in una téia: la vünti cun ‘n gut d’òli e quàti el fund cun d’la sàlsa de tumàteŝi bèla dénsa; pö cumìnci cul prìmo strato de marìŝan, mosarèla, sàlsa de tumàteŝi e fò tànti stràti quànti mariŝàn gh’ò. I a méti in furn per un’ uréta, pö i a quàti cun giambòn cot e mosarèla e i a méti in furn amò per cinq minüti, insì se roŝula el prosciuto e se deŝléngua la mosarèla. I èn ‘na buntà. Bon apetìt!

Maddalena Negri
Casalpusterlengo

LA RICETTA DELLE MELANZANE

ALLA PARMIGIANA

Traduzione letterale

Sono convinta che l’Italia sia il posto più bello del mondo. Abbiamo tutto: mari, monti, colline, laghi, pianure, arte e cultura, natura, genialità, modernità e antichità… Abbiamo Roma, Firenze, Napoli, Milano, Torino…, la Sicilia, la Sardegna, le Dolomiti… Coi nostri splendori possiamo soffocare di bellezza tutti gli altri Paesi. Non c’è neanche da mettere in confronto. Quanta roba bella! E gli Italiani dove li mettiamo? Voglio essere modesta: popolo di santi, artisti, scienziati, poeti, geni, eroi, navigatori… Ne attacchiamo ancora di qualità? Fermiamoci qui, ma ce ne sarebbero ancora. Comunque bella gente, un po’ originale ma intelligente, sveglia e capace di districarsi in mezzo a tanti problemi…. E ce ne sono tanti! Ne veniamo sempre fuori anche se ammaccati. Viviamo in un mondo complicato; tutti gli uomini in tutte le parti sono in difficoltà a capire quello che sta succedendo e cosa bisogna fare. La globalizzazione, l’emigrazione, la politica, l’economia, la religione, la fede, la morale sono diventati più complessi che in passato. Non dimentichiamoci però che anche negli anni passati c’erano le guerre, la povertà, l’ingiustizia, la violenza: non erano tutte rose e fiori come qualcuno dice: “ Ai miei tempi!” Adesso siamo più informati di quello che succede anche in luoghi lontani e le cose ci sembrano più ingarbugliate, ma il bene e il male ci sono sempre stati, come adesso. Tiriamo avanti. Ma io non volevo fare questo discorso; sono andata a impegolarmi in argomenti che, solo per cominciarli, ci vorrebbero cento pagine. Lasciamo stare i ragionamenti difficili e torniamo a parlare delle bellezze dell’Italia. Con mio marito siamo andati una settimana sulla costiera amalfitana e dintorni. Abbiamo visto: Napoli, Amalfi, Sorrento, Positano, Salerno, Caserta e la splendida reggia, Paestum con la sua storia millenaria. La costa amalfitana soprattutto vista dal mare è un paradiso! Voi state tutti bene? Ero un po’ indecisa se parlarvi delle cose che ho visto, perché so che c’è tanta gente che non può muoversi di casa per tanti motivi, di salute od altro, però poi ho pensato che poteva tenervi compagnia una chiacchierata, invece che continuare a sentire e pensare alle brutte notizie.

Siccome sono italiana, quindi poeta, vi scrivo una mia poesia che parla dei girasoli. Eccola:

I GIRASOLI - Fianco destro! / Fianco sinistro! / Avanti! / Dietro front! / Diritti, allineati, / tutti in fila. / Non pensano, / ubbidiscono, / sono soledipendenti. / Sono girasoli. / Chi è cresciuto /nelle retrovie / sogna, sempre, / solo in giallo; / chi è fiorito / nelle prime file / vede il mondo al di fuori / dal suo campo, / ma, proprio, / non gli importa più di tanto. / Sono contenti? / Mi pare di sì, / ma io non potrei / vivere così. / Rincorro i colori / dell’arcobaleno /dai languidi viola / ai rossi più accesi, / invidio le idee / che scappano su, / sempre più su, libere, / sfidando, spavalde, / il sole dall’alto. / Respiro nel vento! //

Cosa dite? Vi è piaciuta? La pensate come me o vorreste essere dei girasoli leccapiedi? Adesso deve smettere di fare la poeta e devo andare a fare la cuoca. Sapete cosa ho pensato di fare oggi, tanto per cambiare un po’? Melanzane alla parmigiana. Siccome sono frettolosa, ho trovato una ricetta svelta: non bisogna far cuocere o friggere le melanzane, ma si usano subito da crude. Le lavo, le taglio a fettine sottili sottili, le metto in un colapasta cosparse di sale grosso. Le lascio un po’ sotto sale per far perdere l’amaro, poi le risciacquo, le asciugo e faccio degli strati in una teglia: la ungo con un po’ d’olio e copro il fondo con della salsa di pomodori bella densa; poi comincio col primo strato di melanzane, mozzarella, salsa di pomodori e faccio tanti strati quante melanzane ho. Le metto nel forno per un’oretta; in ultimo le copro con prosciutto cotto e mozzarella e le rimetto nel forno ancora per cinque minuti, così si rosola il prosciutto e si scioglie la mozzarella. Sono una bontà. Buon appetito!

Maddalena Negri Casalpusterlengo

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
Nessun commento da visualizzare