NEWS
mercoledì 26 luglio 2017 ore 00:45
Ss. Gioacchino e Anna
IL GIORNALE IN EDICOLA
FONDI
Il dialetto
Àuguri a tüti ‘na bùna estàd, a Dio piacendo
5 luglio 2017

El méŝ pasàd è finìd la scòla, cun grand dispiaŝè de tüti i fiöi, e nüm nòni ém duüd rump l’ùla per dà la bunamàn ai neùdi per la prumusiòn. I èn stài bràvi, i àn stüdiàd cun impégn, le pagèle i èrun pròpi bèle,… e alùra n’è tucàd rump l’ùla. Avarésom risparmiàd se quaidün fudés stài buciàd. La n’è ‘ndài mal! Schèrsi a pàrte, i èn bèle sudisfasiòn quand i fiöi i se impégnun a scòla e i èn promòssi; adès i bùfun e i èn lìberi per tüta l’estàd. Tra i tànti prugèti ch’i gh’àn, tüti set i àn lasàd un cantunìn per la tradisiunàl vacànca cun nüm. L’ém culucàda, tàme al sòlit, tra la fin de agust e i prìmi de setémbor: “Nonni, andiamo ancora a Rimini, vero? Ci organizziamo con le ferie, allenamenti, campi scuola, e via per la nostra settimana!” Ànca quéste i èn sudisfasiòn: véd che i neùdi, gràndi e picinìn, i stan bén cun nüm. A Dio piacendo, farém la nòsta vacànsa per el deŝnöueŝim an de fìla e mi, v’la cüntarò amò. Gh’ò idèa che sarì quàŝi stüfi da séntla cüntà …ma mi son gnamò stüfa da vìvla e da cüntavla.

Un’àltra ròba gh’ò in mént da scrìu: chi è che diŝ che la piàsa de Caŝàl l’è brüta? Tüte buŝìe. Stamatìna son pasàda da piàsa e l’ò guardàda bén; ò vultàd i spal ai uréndi palasòn che gh’è sü un fiànch ( i èn pròpi uréndi, gh’è gnént da dì) e me son gudüda la nòsta piàsa, grànda tàme pòche nel ludeŝàn; circundàda da la Céŝa, dal Teàtor, da la Tur, dal Municìpi; cui giardìn pién de fiùri de tànti culùri; brilénta de sul che pasèva tra i sprüsi d’la funtàna che gh’è nel méŝ; la védua la cridèva, sémpor garbàda ‘me ‘na dunìna caŝalìna; i monuménti ch’i ricòrdun i nòsti Cadùti.

Ò pensàd: la sfigüra no de cèrt cunfruntàda cun Piàsa San Pédor a Rùma e piàsa del Dom a Milàn. Ànsi gh’è da dì che Milan l’à cupiàd da nüm a piantà d’le pàlme perché a Caŝàl le piànte in piàsa i gh’èn da sémpor. Sìu d’acòrdi?

Adès divénti séria e salüdi cun tànta stìma el nost prevòst, don Pierluigi Leva, che st’an el cumpìs vinticìnq ani da l’urdinasiòn da prét.

L’è chi a Caŝàl da cinq àni e, lü e nüm caŝalìn, sém adré a fà un àltor toch de stràda, tegnéndos da man per crés inséma e fà cunùs la belèsa del Vangèli a tüti. L’è un mund cumplicàd quèl d’incö, no fàcil per nisün, préti e làici, ma, tàme diŝ don Pierluigi: “Non ho nessuna voglia di tirarmi indietro, anzi tutto quello che sono continua ad essere al servizio del Vangelo e dell’umanità. Sono contento di fare il prete e di stare dove sono”.

Ànca nüm gh’ém d’avègh vöia da fà trasparì la felicità d’ùna vìta impregnàda d’amùr per el Signùr e per tüti i fradéi. I caŝalìn i èn no tant dubigàbili, i èn pütost vivarùŝi, tàme el so prevost! Va bén insì! Inséma stém bén; cul nòst ardùr cerchém da fà ‘na fugàda che scàlda i cöri d’la nòsta paròchia e d’la nòsta cità! Grasie, don Pierluigi, tirém inàns!

Vöri ànca ricurdà cul màsim rispèt ‘na dòna de Caŝàl, precisamént de Vitadòn, mòrta la stemàna pasàda: la professoressa Fiorangela Boccardi. L’è stài ‘na dòna fòrta, inteligénte, uperùŝa, ch’l’à spéŝ la vìta per la so famìglia, el so laurà, i so stüdénti, p’r i ansiàn, per la so città. ‘Na bèla persùna ch’ò ‘vüd la furtüna da cunùs bén e da frequentà. El so parlà l’èra mài banàle o scüntàd; le so idèe sémpor aténte al bén d’la sucietà. Son sicùra ch’ la se ufénd no s’na pàrli in dialét; sens’àltor la capìs ch’ l’è ségn d’la stìma e d’l afèt per lè. Àuguri a tüti ‘na bùna estàd, se sentarém amò in Agùst, a Dio piacendo.

Maddalena Negri
Casalpusterlengo


Traduzione letterale

Il mese scorso è finita la scuola, con grande dispiacere di tutti i ragazzi, e noi nonni abbiamo dovuto rompere il salvadanaio per dare la mancia ai nipoti per la promozione. Sono stati bravi, hanno studiato con impegno, le pagelle erano proprio belle… e allora abbiamo dovuto rompere il salvadanaio.

Avremmo risparmiato se qualcuno fosse stato bocciato. Ci è andata male! Scherzi a parte, sono belle soddisfazioni quando i ragazzi si impegnano a scuola e sono promossi; adesso respirano e sono liberi per tutta l’estate. Tra i tanti progetti che hanno, tutti e sette hanno lasciato un angolino per la tradizionale vacanza con noi. L’abbiamo collocata, come al solito, tra la fine di agosto e i primi di settembre: “Nonni, andiamo ancora a Rimini, vero? Ci organizziamo con le ferie, allenamenti, campi scuola, e via per la nostra settimana!” Anche queste sono soddisfazioni: vedere che i nipoti, grandi e piccoli, stanno bene con noi. A Dio piacendo, faremo la nostra vacanza per il diciannovesimo anno di fila ed io ve la racconterò ancora. Ho idea che sarete quasi stufi di sentirla raccontare,…ma io non sono ancora stufa di viverla e di raccontarla.

Un’altra cosa ho in mente di scrivere: chi dice che la piazza di Casale è brutta? Tutte bugie. Stamattina sono passata da piazza e l’ho guardata bene; ho voltato le spalle agli orrendi palazzoni che ci sono su un lato (sono proprio orrendi, non c’è niente da dire) e mi sono goduta la nostra piazza, grande come poche nel lodigiano; circondata dalla Chiesa, dal Teatro, dalla Torre, dal Municipio; coi giardini pieni di fiori di tanti colori; brillante di sole che passava tra gli spruzzi della fontana che c’è nel mezzo; la “vedova” (la fontanella) zampillava sempre garbata come una donnina casalina; i monumenti che ricordano i nostri Caduti. Ho pensato: non sfigura di certo confrontata con piazza San Pietro a Roma e piazza del Duomo a Milano. Anzi, c’è da dire che Milano ha copiato da noi a piantare le palme perché a Casale gli alberi in piazza ci sono da sempre. Siete d’accordo?

Adesso divento seria e saluto con tanta stima il nostro parroco, don Pierluigi Leva, che quest’anno compie 25 anni di ordinazione sacerdotale. E’ qui a Casale da 5 anni e, lui e noi casalini, stiamo facendo un altro tratto di strada, tenendosi da mano per crescere insieme e far conoscere la bellezza del Vangelo a tutti. E’ un mondo complicato quello di oggi, non facile per nessuno, preti e laici, ma, come dice don Pierluigi,: “Non ho nessuna voglia di tirarmi indietro, anzi tutto quello che sono continua ad essere al servizio del Vangelo e dell’umanità. Sono contento di fare il prete e di stare dove sono”. Anche noi dobbiamo avere la voglia di far trasparire la felicità di una vita impregnata d’amore per il Signore e per tutti i fratelli. I casalini non sono malleabili, sono piuttosto vivaci, come il loro parroco! Va bene così! Insieme stiamo bene; col nostro ardore cerchiamo di fare una fiammata che scalda i cuori della nostra parrocchia e della nostra città! Grazie, don Pierluigi, tiriamo avanti!

Voglio anche ricordare col massimo rispetto una donna di Casale, precisamente di Vittadone, morta la settimana scorsa: la professoressa Fiorangela Boccardi. E’ stata una donna forte, intelligente, operosa, che ha speso la vita per la sua famiglia, il suo lavoro, i suoi studenti, per gli anziani, per la sua città. Una bella persona che ho avuto la fortuna di conoscere bene e di frequentare. Il suo parlare non era mai banale o scontato; le sue idee sempre attente al bene della società. Sono sicura che non si offende se ne parlo in dialetto; senz’altro capisce che è segno della stima e dell’affetto per lei.

Auguro a tutti una buona estate, ci sentiremo ancora in Agosto, a Dio piacendo.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
Nessun commento da visualizzare