NEWS
martedì 19 settembre 2017 ore 15:17
S. Gennaro
IL GIORNALE IN EDICOLA
DIALETTO
Il dialetto
Tà pödi andà a mundà l’rìŝ
21 giugno 2017

Tà pödi andà a mundà l’rìŝ
Senti le rane che cantano
che gusto che piacere,
lasciare la risaia
tornare al mio paese
Mamma e papà non piangere
se sono consumata,
è stata la risaia
che mi ha rovinata.....
L’è quésta, vùna dì cansòn pùsè bèi che nà fa végn in mént al dòn quànd in dèvu a mundà l’rìŝ, cantàda anca da Anna Identici e Giovanna Marini.
Nà fa capì tàme sìa stài gràma la vita di mùndìn. Ad bunùra, al sùl càl pàsa di finestròn, al dòn pùsè végi chi sàltu sùbat ŝù dal paiòn, i fàn un cerghìn e i vàn sű a sveglià i òltar dòn pùsè giùn che ìèn fancìsi a leva sű e i gìru al galòn, amò stràchi d’là sìra prìma.
Quànd la squadra là s’ìnvìa in vèr la rìŝèra, in d’là brànda è restàd amò un quaidùn: ièn i fiulìn d’una quàl mundìna chì ghàn vùd al permès dal padròn par purtà adré al sò fiulìn pùsè picinìn.
Là cumincièva insì, la giurnàda d’là mundìna cl’èva lasàd la famiglia dai primi d’Magg fìn a la metà d’Giùgn.
Un quàl anét fa sèri n’dài a truà pròpi vùna cl’èra n’dài a mundà l’rìŝ pàr tànti ani: Luigina Fontana cl.1923, insèma a tànt dòn ad Séna ièn andài in sùl Milanés a Cassino Scanasio, Ponte Sesto, Badile e anca sùl Pavés a Lùmlìna.
Capitèva, che in d’là squadra ghèra anca una quàl fiuléta clà ghèva gnamò l’età pàr pùdè laurà e alùra s’cerchèva da falsificà i àni.
S’durmìva sùl granè, in un paiòn, cl’èra un sàch nimpìd ad pàia e melgàsi che dopu un quàl dì ghèra dà gratàs a bràs parchè al s’nimpìva ad piögi.
A quàtr e méŝa ghèra bèle dà és in pé pàr és prùnti in dl’acqua a cìnch ùr, calsét ad nylon tiràdi su fìn a metà galòn i riparèvu dai piòn di tavàn e sinsàl.
A stà tùt al dì cùn i pè in dl’acqua fèrma e calda, cùn la s’ciéna cùcia sùta a un sulatòn da dì nò, l’èra un bèl castìgh, pàr quél che amò al dì d’incö, un quàl ansiàn quànd al vör rispùnd màl a un quaidùn al dìŝ “ t’pödi andà a mundà l’rìŝ !! “.
La paga l’èra mìga stò granché, prò, la metèvu vìa pàr fàs la dòta pàr quànd i sà spuŝèvu. Sempar Luigina là cùntèva che cùn la campàgna d’là mùnda dàl 39 là sé töi un coprilèto nöu, impù, i ghèvu dirìto a un chilu d’rìŝ pàr ogni giurnàda ad laurà, e l’èra tànta màna pàr la famiglia.
Quànd al capuràl al metèva in bùca al sifulìn pàr dà al segnàl che èra finìd la giurnàda ad laurà, al dòn i vusèvu d’là cuntentésa, intànt chi s’ancamìnu in vèr la casìna, i parlu, i pardìcu e a un quaidùn gh’fà màl la s’ciéna, rivàdi in di cameròn i sistému i sò ròb, quèi pùsè giùn i s’nùdrìghu parchè dòpu i vöru andà a balà e una quaidùna la stà in brandina a mendà e cùn un po’ d’magòn la pensa a cà sùa.
Luigina la mà spiéga anca che ghèra trì tipi ad mundìn: le locali, che ièru quèi che laurèva in dì rìŝèr viŝìn a cà, pö ghèra le volanti chi partìvu cùn la curiéra a dù ùr ad nòtt pàr és sùl laurà a trè e méŝa e finì pr’àl méŝdì in mòdo dà végn a cà tùti dì, e pö ghèra le forestiere chì stèvu via da cà quaranta o cinquanta dì.
Luigina, anca s’là ghà 94 àni sunàdi, là ghà amò una memoria dà fàgh invìdia a una fiuléta, capitèva che quànd là vedèvi cun in tésta al riòtt, in dal sò camp a sapà o magari cùcia a catà la sicòria prì sò galìn, cerchèvi dà fàm mìga véd e piàn pianìn gh’andèvi viŝìn par rubàgh una quàl futugrafìa.

Traduzione letterale

VA’ A MONDARE IL RISO
Senti le rane che cantano
che gusto che piacere,
lasciare la risaia
tornare al mio paese
Mamma e papà non piangere
se sono consumata,
è stata la risaia
che mi ha rovinata.....
E’ questa, una delle canzoni più evocative del mondo della risaia, con la stessa aria di Addio Lugano bella, viene interpretata anche da molti personaggi della canzone come Anna Identici oppure Giovanna Marini.
Ci da un’immagine reale di come sia stata la vita delle nostre mondine, il sole che filtra nelle camerate attraverso i finestroni, le più anziane scendono subito dal pagliericcio, friggono un uovo, tornano su a svegliare le altre che sono giovani e si rivoltano due, tre volte nella brandina, ancora stanche della sera prima.
Quando le squadre si avviano verso la risaia, nelle brandine è rimasto qualcuno: i bimbi di alcune risaiole che hanno avuto dal padrone, la concessione di portare con sé il loro figlio più piccolo.
Così, iniziava la giornata della mondina che aveva lasciato la famiglia durante il tempo della monda, dai primi di Maggio fino a metà Giugno.
Qualche tempo fa ebbi modo di intervistare appunto una di queste mondariso: Luigina Fontana cl.1923 che per diversi anni, insieme a molte altre di Senna partirono verso località come Cassino Scanasio, Ponte Sesto, Badile oppure nel pavese, in Lomellina. Capitava, racconta Luigina, che nella comitiva ci fosse anche qualche bambina inferiore ai 14 anni ( era questa l’età minima di legge per lavorare ) per cui si falsificava l’età.
Gli alloggiamenti erano nei granai e per letto avevamo un grosso sacco riempito di paglia il quale ben presto diventava ricettacolo di pidocchi.
La sveglia veniva data alle h.4.30 per essere pronte e schierate nell’acqua alle h.5.00, calze di naylon fino a metà gamba aiutavano contro i fastidiosi morsi di tafani e zanzare. Stare tutto il giorno con i piedi nell’acqua calda e stagnante, con la schiena curva sotto il sole cocente, camminando all’indietro era un vero supplizio, per questo, ancora oggi alcuni anziani quando vogliono mandare a quel paese una persona, usano il termine “ và a mundà l’rìs “.
Il guadagno non era molto, serviva in parte per la piccola dote matrimoniale, raccontava Luigina che con la campagna della monda del 1939, riuscì ha comprarsi un copriletto nuovo, inoltre veniva loro riconosciuto un Kg. di riso per ogni giorno di lavoro, contribuendo così al magro bilancio famigliare.
Quando il fischietto del caporale annuncia la fine del lavoro, un urlo di sollievo l’accoglie. Di sera, quando rientrano in cascina, sistemano le loro poche cose, si fanno belle e le più giovani vogliono andare a ballare, qualcuna rimane in brandina pensando con nostalgia e con un po’ di magone alla propria casa.
Luigina tiene a precisare che esistevano tre figure di mondariso: le locali, erano quelle che lavoravano nelle risaie del proprio paese, le volanti: che partivano con le corriere alle h.2.00 di notte per essere in risaia alle h.3.30 e terminare a mezzogiorno con la possibilità di tornare a casa tutti i giorni e infine, le forestiere; che erano appunto quelle che stavano via 40 0 50 giorni generalmente nel Milanese o in Lomellina.
Luigina, impersona nel mio immaginario, l’icona storico rappresentativo del mondo contadino di un tempo, pur avendo ormai 94 anni conserva ancora con lucidità nella sua mente, preziose testimonianze di vita delle quali ho avuto la fortuna di raccogliere e trascrivere.
Capitava, ormai avanti con gli anni, di vederla nel suo campo a zappare oppure curva con un cesto sottobraccio intenta a raccogliere la cicoria per le sue galline e avendo sempre con me la telecamera e la macchina fotografica, mi avvicinavo senza essere visto per cercare di immortalare nel modo più naturale possibile quelle preziose scene di vita vissuta.

Massimo Bassi

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
Nessun commento da visualizzare