NEWS
domenica 25 giugno 2017 ore 07:23
S. Guglielmo da Vercelli
IL GIORNALE IN EDICOLA
DIALETTO
Il Dialetto
Pödi caminà sénsa pagüra da scapüsà
1 febbraio 2017

In Genàr son diventàda màma du volt: el vinticìnq gh’ò ‘vüd ‘na fémna, el vintòt un mas-cìn, un àltor mas-c l’è nasüd in Utùbor; naturalmént pàrli de quàlche an fa, ànsi tànti àni fa. Mariadele l’è nasüda a vot ur un lündì matìna; Massimo s’l’è ciapàda còmuda: l’è ‘rivàd al dubàs per la merénda; Marco, el püssè fresaröl, l’è nasüd de vot méŝi la matìna a séŝ ur. Ém festegiàd i vàri compleàni e cul me om ém ricurdàd i dì d’le nàscite: le cùrse in uspedàl, l’atéŝa, la preocupasiòn, …i dulùri e la felicità quànd i ém vìsti san e vuŝénti cun fòrsa. I ne parìvun i fiulìn püssè bèi del mund, ànca i didìn (per prìma ròba i ò cüntàdi s’i ghèrun tüti) i èrun di salsisòti meravigliuŝi. Gh’ém ‘vüd ànca la sudisfasiòn da ‘vègh set neùdi, p’rò l’esperiénsa da diventà màma e papà l’è ‘n’àltra ròba. Ògni vòlta me parìva un miràcul che m’èra capitàd. Pensèvi: “Ma tàme ò fài a mét al mund di fiulìn ch’i diventaràn persùn!” Son ‘na dunìna, picinìna, e son stài bùna da dà la vìta… cun la culaburasiòn del me om. Che ròba grànda! Adès mi a guàrdi, me stìmi de quel ch’ i èn diventàdi e ringràsi el Signùr de tànta gràsia. Cùme in tüte le famìglie ém pasàd di muménti difìcili, n’à ‘rivarà amò; per el mumént gòdi l’amùr ch’ì ne dan e che nüm dém a lur. Cercarém da ‘fruntà i prublémi ch’i vegnaràn cun serenità; gh’ò un po’ pagüra, ma son sicüra che Lü el ne ütarà sémpor. Rilégi quèl ch’ò scrit e me végn da rid in da per mi perché v’ò cüntàd la me esperiénda tàme se füdèsi l’ünica dòna al mund a és diventàda màma. Quànti miliòn de fiülìn è nasüd e nas tüti i dì nel mund, e mi v’la cünti tàme ‘na còssa, tàme qualcòs da spiegà perché la se sa no. Son pròpi Maddalena! Püssè ünica che ràra, diŝ Angelo, el me om! Che gaŝaghè gh’è föra da l’üs, scampanelàde da s-ciupà i urèc: ‘rìva la bànda di neùdi. “Nonna, che fame! E’ pronta la merenda?”; Luca: “Che strachìŝia”; ”’Si fài a scòla?” Tüti inséma: “Niente”; “Susanna, tàme l’è ‘ndài l’interugasiòn de filosofia?” “ Bene,” “T’è vist, te gh’èvi insì pagüra. Quand se stüdia i rob i se san”; “ E ti, Davide, te gh’è amò el mal de tésta?” “Un pò”. “Lorenzo, te gh’è tànti còmpiti da fa?” “Non so”; “Paola, tàme l’è ‘ndài stamatìna?” “Bene”. Capìsi che gh’n’àn no vöia da cüntàla e … finalmént la piànti da fà dumànde. Prepàri pan e Nutella per tüti; péli pùmi a bras e fò scaldà l’àqua per el tè. La merénda l’è prùnta e in un àtim la fan sparì. Che apetìt, àltor che parlà de scòla! Mànca i dü püssè gràndi perchè i èn a laurà: Matteo a Milàn e Silvia la fà la maèstra suplénte. La merénda d’la nònna s’l’ àn quàŝi deŝmentegàda, sperém de no! Dòpu ‘na meŝuréta de relax i se sparpàiun per la cà a stüdià. Gh’è stüdénti dapertüt: in cüŝìna, in sogiòrno, n’le stànse, in mansàrda. Lìbri e quadèrni i èn süi tàuli e in tèra inséma ai scarp ch’ì se càvun ‘péna i rìvun e ai bursòn di alenaménti. Sto ‘ténta a mövom perché gh’ò pagüra da scapüsà e d’andà là ‘me un salàm. Vùŝi: “Fiöi, un po’ püssè urdinàdi!”, ma nisün me dà da trà. Vers i séŝ, séŝ e méŝa i càtun sü tüti i so raulò e i van a fà i alenamènti de càlcio o de pallavolo. Piöu, fiòca, tìra vént, gh’è ŝlàd, i màncun mài, i gh’àn da ‘vègh la févra a quarànta per ‘ndà no. A mi me végn i ŝgriŝulòn apéna a pensàgh e dìŝi: “ I se malaràn cun chèl fréd chi”, ma ‘l me om sübot: “ I èn giùni; i gh’àn biŝògn da sfugàs; làssa ch’i vàgun. Quànd sèrom fiöi nüm, fèvom le partìde cun la nöu e pö se lavèvom sùta le dòcce ŝlàde, quànd i gh’èrun. Sém mài malàdi”. Comùnque la cà la se ŝvöida e pödi caminà sénsa pagüra da scapüsà. Bùfi, … e spèti che végna dumàn.

POSSO CAMMINARE SENZA PAURA DI INCIAMPARE (traduzione letterale)
In Gennaio sono diventata mamma due volte: il venticinque ho avuto una femmina, il ventotto un maschietto, un altro maschio è nato in Ottobre; naturalmente parlo di qualche anno fa, anzi tanti anni fa. Mariadele è nata alle otto un lunedì mattina; Massimo se l’è presa comoda: è arrivato al pomeriggio per la merenda; Marco, il più frettoloso, è nato di otto mesi la mattina alle sei. Abbiamo festeggiato i vari compleanni e con mio marito abbiamo ricordato i giorni delle nascite: le corse in ospedale, l’attesa, la preoccupazione,.. i dolori e la felicità quando li abbiamo visti sani e strillanti con forza. Ci sembravano i bambini più belli del mondo, anche i ditini (per prima cosa ho contato se c’erano tutti) erano dei salsicciotti meravigliosi. Abbiamo avuto anche la soddisfazione di avere sette nipoti, però l’esperienza di diventare mamma e papà è un’altra cosa. Ogni volta mi pareva un miracolo che mi era capitato. Pensavo: “Ma come ho fatto a mettere al mondo dei bambini che diventeranno persone!” Sono una donnina, piccolina, e sono stata capace di dare la vita…. con la collaborazione di mio marito. Che cosa grande! Adesso me li guardo, sono fiera di quello che sono diventati e ringrazio il Signore di tanta grazia. Come in tutte le famiglie abbiamo passato dei momenti difficili, ne arriveranno ancora; per il momento godo l’amore che ci danno e che noi diamo a loro. Cercheremo di affrontare i problemi che arriveranno con serenità; ho un po’ paura, ma sono sicura che Lui ci aiuterà sempre. Rileggo quello che ho scritto e mi viene da ridere da sola perché vi ho raccontato la mia esperienza come se fossi l’unica donna al mondo a essere diventata mamma. Quanti milioni di bambini sono nati e nascono tutti i giorni nel mondo ed io ve lo racconto come una favola, come qualcosa da spiegare perché non si sa. Son proprio Maddalena! Più unica che rara, dice Angelo, mio marito! Che trambusto c’è fuori dall’uscio, scampanellate da scoppiare le orecchie: arriva la banda dei nipoti. “Nonna, che fame! E’ pronta la merenda?”; Luca: “Che stanchezza”; “Cosa avete fatto a scuola?” Tutti insieme: “Niente”; “Susanna, come è andata l’interrogazione di filosofia?” “Bene” “Hai visto, avevi così paura. Quando si studia le cose si sanno”; “E tu, Davide hai ancora il mal di testa?” “Un po’”; “Lorenzo, hai tanti compiti da fare?” “Non so”; “Paola, come è andata stamattina?” “Bene”. Capisco che non hanno voglia di raccontare e… finalmente la smetto di fare domande. Preparo pane e Nutella per tutti; sbuccio tante mele e faccio scaldare l’acqua per il tè. La merenda è pronta e in un attimo la fanno sparire. Che appetito, altro che parlare di scuola! Mancano i due più grandi perché sono al lavoro: Matteo a Milano e Silvia fa la maestra supplente. La merenda della nonna se la sono quasi dimenticata, speriamo di no! Dopo una mezz’oretta di relax si sparpagliano per la casa a studiare. Ci sono studenti dappertutto: in cucina, in soggiorno, nelle camere, in mansarda. Libri e quaderni sono sui tavoli e per terra insieme alle scarpe che si tolgono appena arrivano e ai borsoni degli allenamenti. Sto attenta a muovermi perché ho paura di inciampare e di cadere come un salame. Grido: “ Ragazzi, un po’ più ordinati!”, ma nessuno mi dà retta. Verso le sei, sei e mezza raccolgono tutte le loro cose e vanno a fare gli allenamenti di calcio o di pallavolo. Piove, nevica, tira vento, c’è gelido non mancano mai; devono avere la febbre a quaranta per non andare. A me vengono i brividi appena a pensarci e dico: “ Si ammaleranno con questo freddo”, ma mio marito subito: “Sono giovani; hanno bisogno di sfogarsi; lascia che vadano. Quando eravamo ragazzi noi, facevano le partite con la neve e poi ci lavavamo sotto le docce gelate, quando c’erano. Non ci siamo mai ammalati”. Comunque la casa si svuota e posso camminare senza paura di inciampare. Respiro
, e…aspetto che venga domani.

Maddalena Negri – Casalpusterlengo

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
Nessun commento da visualizzare