NEWS
martedì 22 agosto 2017 ore 16:54
S. Filippo Benizi
IL GIORNALE IN EDICOLA
DIALETTO
Il dialetto
Oh gént, me vegnüd un’idéa purtentùŝa
4 gennaio 2017

Prìma de tüt, cùme i pasàd el Nadàl? I me augùri anticipàdi in àn frütàd? Spéri pròpi de sì. Nüm ém pasàd le fèste cun tüta la famìglia, òspiti a tùrno n’le cà di fiöi; ém giügàd a tùmbula e ànca i neùdi, picinìn e gràndi, i èrun ciapénti a fà àmbi, tèrni, quatèrne, quintìne e vuŝénti de sudisfasiòn quànd se fèva tùmbula. Me guardèvi atùrn, gudèvi e apresèvi la belèsa d’la famìglia e ringrasièvi el Signùr per tànta generuŝità. Al prànso de Nadàl, cun nüm, invitàdi da me ŝenor e me fiöla, gh’èra dü giùni pròfughi. Quàlche àltra famìglia l’à fài istès, in mòdo da lasài no in da per lur per la fèsta. Vün, Yacou, el végn dal Mali, l’àltor, Sadiki, dal Burghina Faso. I èn scapàdi dai so Paìŝi e i èn ‘rivàdi in Sicilia cul barcòn. I àn pèrs i contàti cùi genitùri e cùi fradéi, scapàdi ànca lur. Pòra gént! A Caŝàl i stan in un apartamént cun àltri quàtor pròfughi,
seguìdi da la Caritas, ma naturalmént l’è ‘na sistemasiòn pruiŝòria. E pö? I me fan tànta tristésa e tenerèsa! Giùni cun ‘na muntàgna de prublémi d’ afruntà, cun pòche sperànse e tànte dificultà. ‘Sa farài? ‘Ndùe indaràn? Che futuro i a ‘spèta? Afidémi a la Pruidénsa, perchè la pulìtica, pürtròp, la riés a fà poch o gnént. El mutùr de tüt i èn i danè! Intànt adès scurlìmos dài spal el dümìlasédos. La supurtèvi pü. L’è stài un an antipàtich, ànca lungh un dì püssè: biŝestìl, pién de tragédie e prublémi.
“Anno biŝesto, anno funesto”, l’à rispetàd pròpi el pruèrbi. Lasémol indré, cumpagnémol a la pòrta, salüdémol e guardém inàns. Dài, sperém ch’ el dümìladersèt el sìa migliùr, supratüt cun la pòra gént. Cun mi l’è bèle stài generùŝ… fin trop; sübot al prim dì, el m’à regalàd un an d’età, prò a fòrsa de più ùno, più ùno, i àni i èn adré a diventà strabundànti. S’ püdarés no deŝmentegàn quaidün? Farò dumànda a chi di dovére in càrta bulàda e vedarò tàme la va. Al prim d’l’An gh’è tànte manifestasiòn per la Pace. Ànca a Caŝàl, cùme sémpor, se sém truàdi atùrn a un falò in piàsa a lég tòchi del messàgio del Papa in ucasiòn d’la Cinquantesima Giornata Mondiale per la Pace e a pregà. Papa Francesco l’à finìd el messàgio cun chi pàrol chi: ”Tutti desideriamo la pace; tante persone la costruiscono ogni giorno con piccoli gesti e molti soffrono e sopportano pazientemente la fatica di tanti tentativi per costruirla. Nel 2017, impegniamoci, con la preghiera e con l’azione, a diventare persone che hanno bandito dal loro cuore, dalle loro parole e dai loro gesti la violenza, e a costruire comunità nonviolente, che si prendono cura della casa comune. Niente è impossibile se ci rivolgiamo a Dio nella preghiera. Tutti possono essere artigiani di pace“.
Oh gént, me vegnüd un’ idéa purtentùŝa: sì ‘sa gh’ém da fà? Tüti quèi ch’i vörun la pàce i fàsun ‘na cadéna lùnga lùnga e inséma rüŝém cun tànta fòrsa da stravacà la viulénsa, i danè, l’egoìŝmo, la cativéria; rüŝém cun tànta fòrsa da guidà el mund vèrs el bén; rüŝém cun tànta fòrsa da purtà el sul d’la giüstìsia e d’la felicità in ògni cantòn d’la Tèra. ‘Sa diŝìu? Cèrto che in da per nüm riesarésom a ŝmöu gnànca un granelìn, p’rò rivulgémos al Signùr. Lü el ne ütarà a rüŝà e, tàme sücéd quànd n’la squàdra del tir a la fùne ‘rìva vün furtìsim, tüti i aversàri i cascaràn cùme salàmi, sénsa pü fòrsa, e i saràn trascìnàdi ùltra la rìga del màl. Ò dì ‘na stüpidàda? Fòrse mìga trop. El Papa l’à dì “impegniamoci con l’azione e la preghiera” e nüm rüŝém (fém qualcòs) e preghém!
Divénti vécia, p’rò son amò vivarùŝa. Méno màle! Seriamént, màndi a tüt el mund gli auguri püssè bèi per un Dümiladersèt culm de serenità. Ciao

OH GENTE, MI È VENUTA UN’IDEA PORTENTOSA (traduzione letterale)
Prima di tutto, come avete passato il Natale? I miei auguri anticipati hanno fruttato? Spero proprio di sì. Noi abbiamo trascorso le feste con tutta la famiglia, ospiti a turno nelle case dei figli; abbiamo giocato a tombola e anche i nipoti, piccoli e grandi, erano indaffarati a fare ambi, terni, quaterne, quintine e gridavano di soddisfazione quando si faceva tombola. Mi guardavo intorno, godevo e apprezzavo la bellezza della famiglia e ringraziavo il Signore per tanta generosità. Al pranzo di Natale, con noi, invitati da mio genero e da mia figlia, c’erano due giovani profughi. Qualche altra famiglia ha fatto lo stesso, in modo da non lasciarli soli per la festa. Uno, Yacou, viene dal Mali, l’altro, Sadiki, dal Burghina Faso. Sono scappati dai loro Paesi e sono arrivati in Sicilia col barcone. Hanno perso i contatti coi genitori e i fratelli, scappati anche loro. Povera gente! A Casale stanno in un appartamento con altri quattro profughi, seguiti dalla Charitas, ma naturalmente è una sistemazione provvisoria. E poi? Mi fanno tanta tristezza e tenerezza! Giovani con una montagna di problemi da affrontare, con poche speranze e tante difficoltà. Cosa faranno? Dove andranno? Che futuro li aspetta? Affidiamoli alla Provvidenza, perché la politica, purtroppo, riesce a fare poco o niente. Il motore di tutto sono i soldi! Intanto adesso scarichiamoci dalle spalle il duemilasedici. Non lo sopportavo più. E’ stato un anno antipatico, anche lungo un giorno di più: bisestile, pieno di tragedie e problemi.
“Anno bisesto, anno funesto”, ha rispettato proprio il proverbio. Lasciamolo indietro, accompagniamolo alla porta, salutiamolo e guardiamo avanti. Dai, speriamo che il duemiladiciassette sia migliore, soprattutto con la povera gente. Con me è già stato generoso... fin troppo; subito al primo giorno mi ha regalato un anno di età, però, a forza di più uno, più uno, gli anni stanno diventando stra- abbondanti. Non si potrebbe dimenticarne qualcuno? Farò domanda a chi di dovere in carta bollata e vedrò come va. Al primo dell’Anno ci sono tante manifestazioni per la Pace. Anche a Casale, come sempre, ci siamo trovati intorno ad un falò in piazza a leggere pezzi del messaggio del Papa in occasione della Cinquantesima Giornata Mondiale per la Pace e a pregare. Papa Francesco ha finito il messaggio con queste parole: “Tutti desideriamo la pace; tante persone la costruiscono ogni giorno con piccoli gesti e molti soffrono e sopportano pazientemente la fatica di tanti tentativi per costruirla. Nel 2017, impegniamoci, con la preghiera e con l’azione, a diventare persone che hanno bandito dal loro cuore, dalle loro parole e dai loro gesti la violenza, e a costruire comunità nonviolente, che si prendono cura della casa comune. Niente è impossibile se ci rivolgiamo a Dio nella preghiera. Tutti possono essere artigiani di pace“.
Oh gente, mi è venuta un’idea portentosa: sapete cosa dobbiamo fare? Tutti quelli che vogliono la pace facciano una catena lunga lunga e insieme spingiamo con tanta forza da rovesciare la violenza, i soldi, l’egoismo, la cattiveria; spingiamo con tanta forza da guidare il mondo verso il bene; spingiamo con tanta forza da portare il sole della giustizia e della felicità in ogni angolo della Terra. Cosa dite? Certo che da soli non riusciamo a smuovere neanche un granellino, però rivolgiamoci al Signore. Lui ci aiuterà a spingere e, come succede quando nella squadra del tiro alla fune arriva uno fortissimo, tutti gli avversari cadranno come salami, senza più forza, e saranno trascinati oltre la riga del male. Ho detto una stupidaggine? Forse mica troppo. Il Papa ha detto “impegniamoci con l’azione e la preghiera” e noi spingiamo (facciamo qualcosa) e preghiamo.
Divento vecchia, però sono ancora vivace. Meno male! Seriamente, mando a tutto il mondo gli auguri più belli per un Duemiladiciassette colmo di serenità. Ciao.

Maddalena Negri, Casalpusterlengo

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
Nessun commento da visualizzare