NEWS
martedì 24 ottobre 2017 ore 13:14
San Luigi Guanella
IL GIORNALE IN EDICOLA
PRIMOPIANO
Carabinieri
Spaccio di droga, raffica di controlli nel fine settimana
3 aprile 2017

Nel fine settimana i Carabinieri delle Compagnie di Lodi e Codogno hanno attuato un servizio straordinario di controllo sul territorio provinciale effettuando numerosi posti di controllo, ispezionando aree sensibili e controllando locali pubblici.

Nel mirino, in particolare, spacciatori e consumatori di sostanze stupefacenti.

Nell’ambito del servizio, oltre agli arresti per spaccio di stupefacenti operato dai Carabinieri di Casalpusterlengo nella campagne tra Secugnago e Turano Lodigiano, è denunciato a piede libero, alla Procura della repubblica di Lodi, un altro cittadino di nazionalità marocchina (Z.A. 37enne) residente a Salerano sul Lambro, poiché sorpreso a cedere tre dosi, complessivamente due grammi di cocaina, ad altrettanti giovani della zona. Lo spacciatore, che in un primo momento è riuscito a scappare, è stato successivamente raggiunto presso la propria abitazione. Lo stupefacente recuperato è stato sottoposto a sequestro e i tre acquirenti sono stati segnalati alla Prefettura di Lodi, quali assuntori.

I militari della Stazione di Tavazzano con Villavesco hanno segnalato alla Prefettura di Lodi, altri cinque giovani lodigiani, che nel corso di mirati controlli sono stati trovati in possesso di modiche sostanze di stupefacenti per uso personale.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
3 commenti.
mah 04 aprile 2017 11:26
denunciato a piede libero cosi potra' trovarsi un lavoro dignitoso
Piero 04 aprile 2017 07:40
Mi spiace scriverlo ma ora che la stagione volge al bello e si allungano le ore di luce certi ceffi ritornano a frequentare anche la periferia di Codogno.Onestamente vedo spesso le pattuglie dei Carabinieri di Codogno ispezionare in macchina il mio Quartiere ma...lo fanno quando questi non ci sono o se si fanno a tempo a nascondersi perche' un palo li ha avvertiti dell'arrivo dei militi....non devo scriverlo ma se militi in boghese non noti verrebbero forse qualcuno lo arresterebbero.....invece che a volte in borghese fanno il servizio militi che in altri orari sono in divisa e quindi facilmente riconoscibili da questi ceffi....a farne le spese siamo noi che viviamo in queste zone.O ci mettiamo d'accordo in tanti e li cacciamo o dobbiamo far finta di ignorarli...ma per quanto tempo?Siamo esasperati
Sgavazza 03 aprile 2017 14:46
"Lo spacciatore, che in un primo momento è riuscito a scappare, è stato successivamente raggiunto presso la propria abitazione". A questo punto potremmo dire "già noto alle forze dell' ordine". Che fare allora? Spedire con biglietto di sola andata al paese di provenienza!