NEWS
venerdì 21 luglio 2017 ore 18:39
S. Lorenzo da Brindisi
IL GIORNALE IN EDICOLA
PRIMOPIANO
Sanità
Infermieri, nuovo concorso dopo l’inchiesta
8 marzo 2017

Concorso infermieri bis dopo l'inchiesta della magistratura. L’Asst di Lodi ha annullato il vecchio concorso e promosso un nuovo bando. In programma è prevista l’assunzione di 14 infermieri. La gara, pubblicata venerdì scorso, scadrà il 14 aprile.

La vicenda del concorso per operatori sanitari finito sotto inchiesta risale ormai a due anni fa. Era l’estate del 2015, agosto per la precisione, quando 1467 candidati si erano presentati al Palacastellotti per la prova scritta. Il bando, promosso dall’allora Azienda ospedaliera oggi denominata Azienda socio sanitaria territoriale, offriva un posto a tempo indeterminato e la possibilità di entrare nella graduatoria dalla quale sarebbero stati attinti 60 infermieri per i 4 ospedali in provincia di Lodi. Le procedure però erano state presto contestate.

Il pubblico ministero Emma Vittorio, che ha coordinato le indagini dei carabinieri della compagnia di Lodi, inizialmente aveva indagato 3 persone, i componenti della commissione d’esame, per la sola ipotesi di abuso d’ufficio. Già dall’estate scorsa però era emerso che gli indagati erano diventati 4. A indagini chiuse, lo scorso dicembre, si era appreso che erano contestate, a vario titolo, anche altre ipotesi di reato: quelle di falso in atto pubblico e corruzione. Oltre ai 3 commissari, risultava indagato anche l’allora responsabile del settore risorse umane dell’Azienda ospedaliera.

«Siamo ancora in attesa - commenta oggi il direttore generale Giuseppe Rossi - degli sviluppi giudiziari. È ancora tutto fermo». Rossi aveva annunciato che l’Asst si sarebbe costituita parte civile.

Le perquisizioni dei carabinieri, con il sequestro di materiale negli uffici dell’Ao in piazza Ospitale ma anche di computer in alcune abitazioni, erano scattate nell’ottobre 2015, dopo che era circolata la voce di elenchi di domande già nelle mani di alcuni candidati prima ancora della prova.

«Oggi, a distanza di 2 anni - spiega per l’Asst la direttrice del Sitra (Servizio infermieristico tecnico riabilitativo aziendale) Cinzia Garofalo - l’Asst ha bandito un nuovo concorso. Il bando è stato pubblicato venerdì scorso, quindi si vedrà tra una settimana quanti sono gli iscritti. Ci aspettiamo però numeri importanti. Le Asst intorno a noi hanno raccolto anche circa 1500 candidati. Ci sono in circolazione numerosi giovani laureati che non hanno trovato lavoro. Il numero in questione, 14, soddisfa le esigenze attuali, nei vari servizi e reparti. Anche in questo caso si formerà una graduatoria che ci servirà per le esigenze future».

La domanda di ammissione al concorso dovrà essere presentata, tassativamente, tramite la procedura online disponibile all’indirizzo internet www.asst-lodi.iscrizioneconcorsi.it.

Tra i requisiti di ammissione ci sono la laurea in infermieristica o il diploma universitario di infermiere professionale, ma anche l’iscrizione all’albo professionale.

Cristina Vercellone

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
2 commenti.
scontenta 09 marzo 2017 09:31
certamente non è questo il modo, attrarre una massa di persone per pochi posti, ma se almeno si assumessero le persone con le capacità e i requisiti,favoriremmo i migliori e miglioreremmo i servizi
che non sia sempre così, SI VEDE!
PAMPURIO 08 marzo 2017 14:36
Andata in Svizzera, in Francia, nei Paesi Nordici, lì vi assumono dopo un colloquio e in base alle vostre capacità. Lasciate perdere questi concorsi che sono specchietti per le allodole, oltre che buffonate.