NEWS
mercoledì 18 ottobre 2017 ore 22:20
S. Luca Evangelista
IL GIORNALE IN EDICOLA
SUDMILANO
Droga
La mappa dello spaccio nel Sudmilano
16 marzo 2017

Dal “bosco” di Rogoredo e San Donato ai piloni dell’autostrada tra Melegnano e Cerro, dai cascinali abbandonati ai viottoli isolati che tagliano le campagne del Sudmilano soprattutto nella zona tra Mediglia e Paullo. È la mappa del “mercato” che nel Sudmilano ogni giorno, notte compresa, inonda comuni piccoli e grandi di sostanze vecchie e nuove. Droghe storiche, cannabis, cocaina ed eroina, ma anche soprattutto nuove, “bombe” chimiche dai nomi in continua evoluzione.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
8 commenti.
scontenta 20 marzo 2017 20:45
proibire non ne impedisce l'uso e favorisce chi vende droga
personalmente mi faccio da una vita di cannella e sniffo Vicks Vaporub
Pierino 17 marzo 2017 15:16
gentile ALELE
i tuoi dati dati sono stati girati alla polizia
tasser 17 marzo 2017 14:37
Cara Miriam, si vive bene anche con. Meglio o peggio forse è una cosa soggettiva. Il fatto è che lei è libera di non fumare mentre chi fuma non è libero di farlo...assurdo!
miriam 17 marzo 2017 11:32
caro alele mi sembra già di averTelo detto, ma si vive benissimo senza (anzi meglio)
alele 17 marzo 2017 10:04
è tutto il sistema che è sbagliato!!
...e meno male che c'è chi spaccia in sto paese altrimenti come faremmo a fumare???
ERBA LIBERA!
Taman Shud 17 marzo 2017 08:42
Per me possono anche legalizzarla, poco mi interessa.
Ma ho dei grossi dubbi che legalizzandola si stronca il traffico di droga....
PAMPURIO 16 marzo 2017 17:02
Non ci vuole molto. basta legalizzare e si stronca questo traffico infame fatto di roba marcia e tagliata. Tabacco, alcool, gioco d'azzardo sì e droga no? Cui prodest?
xenon 16 marzo 2017 16:29
Non ci vuole molto. Se le forze dell'ordine prendessero il treno Lodi-Milano, vedrebbero e filmerebbero lo spaccio sotto i piloni antistanti la stazione di Milano Rogoredo. Solo i pendolari li vedono. Sotto quei piloni si iniettano la droga, fra l'altro.