NEWS
venerdì 20 ottobre 2017 ore 18:02
S. Maria Bertilla Boscardin
IL GIORNALE IN EDICOLA
LODI
il piano
Lodi, il Broletto mette in vendita le partecipate
4 ottobre 2017

Maxi sforbiciata sulle società del Broletto. La giunta Casanova si prepara a un piano di tagli e alienazioni per le partecipate.L’elenco comprende la piscina Faustina, con la messa in vendita delle quote pubbliche di Sporting Lodi, l’azienda che gestisce l’impianto. Nel pacchetto anche la cessione del capitale di Lgh, il colosso che si occupa di teleriscaldamento e gas, e la liquidazione di Sogir, l’operatore che avrebbe dovuto occuparsi di raccolta rifiuti. Sono questi i punti chiave del riassetto delle ex municipalizzate voluto dal sindaco Sara Casanova, che ieri ha preferito non rilasciare dichiarazioni. Il progetto sarà presentato venerdì in commissione e discusso il 12 ottobre in consiglio comunale. L’iniziativa - senza dubbio uno degli atti più significativi del centrodestra dopo le elezioni – ridisegna il quadro delle aziende pubbliche del Broletto, indicando le linee di indirizzo per il futuro come previsto dalla normativa.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
17 commenti.
<< < 1 2 > >>
bruno59 11 ottobre 2017 08:46
Quello che è costato è l'incapacità di amministrare con moralità e capacità.
se si raccolgono vetro e plastica per riciclarli, si guadagna se si vendono, non se si regalano o si buttano...
UltrasPice 10 ottobre 2017 14:30
beh anche la ama a roma si occupava di servizi di prima necessità come la spazzatura ma se andiamo a leggere tutti i bilanci dal 2005 vediamo che è proprio il casa di dire:
quanto è costata al comune sta spazzatura ?
bruno59 10 ottobre 2017 09:57
Liche, sto parlando di servizi primari ed essenziali.
La spazzatura è uno di quelli.Se non lo nota ha a che fare con igiene e sanità.
Liche81 06 ottobre 2017 15:25
Access può non fregartene di quello che dice Savastano (che per altro è una persona che per lavoro legge i bilanci) ma vatti a leggere l’ultimo bilancio di Astem. Redditività più bassa di quella di un titolo di stato (che è a rischio praticamente 0 al contrario dell’investire in una azienda come Astem), ROI pari a -2,96%, ROS pari a -51,15%, utili distribuiti pari a 0. Dimmi che questo è lo specchio di un’azienda in salute e che i suoi debiti stanno contribuendo alla sua crescita… parlare solo di debiti sarà semplicistico, ma il voler negare l’evidenza davanti ai dati dei bilanci si rischia di sfociare nel ridicolo
Liche81 06 ottobre 2017 12:18
Bruno ma di cosa parli? Mica si sta vendendo la piazza o l’Incoronata ma solo delle partecipazioni in società che palesemente non stanno creando benefici per il comune (e quindi x la comunità) ma che invece contribuiscono a bruciarne risorse che potrebbe essere impiegata i maniera migliore per il bene della città. Discorso egoistico? Non mi sembra proprio come non mi sembra poi che la piscina sia un servizio essenziale ad esempio…Certo comunque che se l’indomani dell’appalto il privato se ne va è un problema, che discorsi, ma ragionando così allora l’iniziativa privata dovrebbe essere messa al bando secondo te.
acces 05 ottobre 2017 14:59
Liche81, potevi anche aver votato la Casanova mica è un problema, pensa che io non sono neanche di Lodi.
La menata dei debiti (che lo dica tu, Savastano o qualche giornalista) di un'azienda è un reale problema se non si creano i flussi di cassa per pagarne i rimborsi.
Poi uno mi può dire che l'azienda deve sostenere gli oneri di questi prestiti.
Dare giudizi su un'azienda in base ai debiti bancari che ha è una semplificazione che sarebbe il caso di evitare
Liche81 05 ottobre 2017 12:22
Per la cronaca Access, ti rimando a quanto affermato dal commissario Sevastano un anno fa il quale dice che “I problemi di Astem sono determinati per 9 milioni dai terreni comunali invenduti che la società, partecipata al 99,22 % dal Comune di Lodi, nel 2008-09, ha dovuto comprare per volontà dell’amministrazione guidata da Lorenzo Guerini; per 6 milioni da dividendi generati che la spa deve al Comune; per 7 milioni (4 di mutuo e 3 di fido) dai prestiti bancari. Ma non solo.” Vedi te se l’affitto dello stabile INPS può coprire queste spese… Per la cronaca, io non ho votato la Casanova.
bruno59 05 ottobre 2017 11:13
Liche il suo mi sembra invece un discorso egoistico.
Apparteniamo ad una comunità (Lodi) ed ogni volta che Lodi perde un pezzo mi dispiace. solo quello.
Poi sul fatto che "le passate amministrazioni ecc...ecc..." concordo.
Il bene pubblico deve rimanere pubblico e gestito con coscienza.Ovvio che sarebbe meglio poter punire chi mal gestisce...
Se il privato l'indomani dell'appalto se ne va alle Hawaii, che facciamo?
Il mettermi in mano a chi lavora per se (non dimentichiamolo!) non mi piace molto per quanto riguarda i servizi essenziali.
MARIALUISA 05 ottobre 2017 10:50
Astem, la capogruppo e' la Lgh, dove i vertici sono indagati per un ammanco di due milioni di euro, quindi le partecipate sono state un grande affare per gli intrallazzatori, posti dove la politica ha piazzato i suoi uomini
acces 05 ottobre 2017 10:27
Veramente sta cosa che i debiti affossano Astem non si può più sentire.
Il debito è un problema se non lo si riesce a rimborsare.
E,per citare solo l'Immobile dell'INPS, Atem riceve un lauto affitto.