NEWS
mercoledì 23 agosto 2017 ore 00:32
S. Rosa da Lima
IL GIORNALE IN EDICOLA
LODI
Tir
Rapinato nel Lodigiano, via un carico di tonno da 200mila euro
8 agosto 2017

Minacciato con la pistola in un’area di sosta nel Lodigiano e rapinato di tutto il carico. È un colpo da oltre 200mila euro quello messo a segno nei giorni scorsi da una banda in provincia di Lodi. Anche se la fuga dei due, padre e figlio, è durata poco. I carabinieri di Opera infatti hanno intercettato il segnale gps del mezzo pesante e li hanno rintracciati a Fizzonasco. Ora sono in carcere a San Vittore. A lanciare l’allarme lo stesso camionista, sorpreso nella notte in un’area di sosta e costretto dai malviventi prima a guidare il suo camion (carico di circa 50 bancali di scatolette di tonno) fino alla zona industriale di Cusago, nel Milanese, e poi a salire su un’auto per essere “scaricato” poco dopo in un campo isolato. Ricevuta la segnalazione, i militari della stazione di Opera hanno avviato subito le ricerche. Che si sono concluse a Fizzonasco di Pieve Emanuele, dove il camion è stato intercettato grazie alla captazione di un segnale inviato dall’antifurto satellitare presente a bordo (nonostante l’installazione di un jammer, ovvero un disturbatore di frequenza, da parte dei rapinatori). Alla guida c’era un 57enne italiano, mentre dietro di lui, a bordo di un’auto, c’era il figlio 29enne: entrambi sono già noti alle forze dell’ordine per reati analoghi. A bordo della vettura i militari hanno anche trovato una pistola a salve, priva del tappo rosso, forse la stessa utilizzata per portare a termine la rapina. Recuperata la refurtiva, anche se 18 dei 50 bancali sono scomparsi nel nulla. Per i due è scattato il fermo per indiziato di delitto e ora sono ristretti a San Vittore.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
4 commenti.
UltrasPice 09 agosto 2017 14:04
sicuramente non si trattava della marca di tonno "insuperabile"
xenon 09 agosto 2017 11:44
Di padre in figlio. E' così che non muore mai la criminalità organizzata del sud, ormai dilagante. E' così che funziona nei campi rom. I buonisti non sono d'accordo però. Sono convinti che i razzisti sono sempre gli altri e non chi fa un reato contro di noi. Così è la vita.
pbirillo 09 agosto 2017 10:43
farabutti! chiudeteli in una scatola di tonno e gettate la chiave!! Complimenti alle forze dell'ordine sempre con noi e sempre vincenti!!
sf31 09 agosto 2017 09:07
ora rinchiudeteli in una scatola di tonno su un bancale e fategli fare un bel giro x la Lombardia e poi.......