NEWS
mercoledì 24 maggio 2017 ore 23:21
S. Vincenzo di Lérins
IL GIORNALE IN EDICOLA
LODI
Fondi Regionali
Sicurezza in città bassa a Lodi, arrivano 13 altre telecamere
17 marzo 2017

Assegnati 80mila euro dalla Regione al Comune di Lodi per l’installazione di nuove telecamere in città bassa. Il progetto, che un anno fa era stato ammesso ma non finanziato dal Pirellone, prevede anche la fornitura di nuove attrezzature (fra cui due auto) alla polizia locale.

Le graduatorie del bando regionale sono state rese pubbliche ieri dall’assessore alla sicurezza Simona Bordonali. Complessivamente sono stati “elargiti” 7,6 milioni di euro a 476 comuni lombardi.

In provincia di Lodi arriveranno quindi 260mila euro. Nel capoluogo, 50mila euro (a cui se ne aggiungeranno 16mila del Broletto) sono destinati alla videosorveglianza, con un progetto che prevede l’installazione di 13 telecamere (6 tra la Piarda Ferrari e il ponte, 1 sul piazzale delle scuole medie Gorini, 5 tra il ponte e il parco Isolabella, 1 di “lettura targhe” alla rotatoria tra via Cavallotti e viale Piave) integrate alla rete di videosorveglianza esistente e collegate alla sale operative di polizia locale e forze dell’ordine. Sarà potenziata inoltre l’antenna di corso Umberto (torretta della biblioteca) che costituisce uno dei ponti per la trasmissione del segnale tra le varie centrali operative. Altri 30mila invece (rispetto a costi per 81mila euro) serviranno per integrare la dotazione della polizia locale: in arrivo tre nuovi veicoli, di cui due in sostituzione di altrettanti veicoli da demolire, e l’allestimento specifico per le pattuglie (torce, tablet, ricetrasmittenti e altro).

Per quanto riguarda l’intera provincia di Lodi, invece, sono stati finanziati 9 dei 13 progetti presentati, 5 per la videosorveglianza e 4 per le strumentazioni. Nel primo caso, beneficeranno di 30mila euro ciascuno l’Unione Nord Lodigiano (Tavazzano, Cervignano, Merlino, Casalmaiocco e Zelo), l’Unione Casapusterlengo (Casale e Somaglia), l’Unione lodigiana Grifone (Casaletto e Caselle Lurani) e l’Unione Mulazzano (Mulazzano e Galgagnano). Nel secondo caso invece sono stati approvati i progetti del comune di Sant’Angelo, dell’Unione Casalpusterlengo e dell’Unione Nord Lodigiano. Per tutti gli enti il finanziamento è pari a 20mila euro

«In provincia di Lodi arriveranno 260 mila euro per finanziare 9 progetti sulla sicurezza che coinvolgono 13 comuni - commenta Claudio Pedrazzini, presidente di Forza Italia nel consiglio regionale della Lombardia -. In totale Regione Lombardia mette a disposizione per la sicurezza urbana 7,6 milioni di euro. Si tratta di risorse ingenti, ma che purtroppo non bastano ancora, dovendo fare i conti con i continui tagli ai trasferimenti dello Stato: a fronte dei 253 progetti approvati e finanziati, erano arrivate 634 richieste per un totale di 17 milioni. È la conferma di quanto il problema sicurezza sia sentito dalle amministrazioni locali di ogni colore e di quanto i cittadini abbiano bisogno di sentirsi protetti, soprattutto contro furti e rapine».

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
9 commenti.
bruno59 20 marzo 2017 08:44
"Altri 30mila invece (rispetto a costi per 81mila euro) serviranno per integrare la dotazione della polizia locale: in arrivo tre nuovi veicoli, di cui due in sostituzione di altrettanti veicoli da demolire, e l’allestimento specifico per le pattuglie (torce, tablet, ricetrasmittenti e altro)."
Quindi un solo mezzo.
E cosa faranno con il tablet, se quando li chiami non si vedono? figuriamoci con le torce...
andrealuzzi 19 marzo 2017 18:23
siamo alle solite boutade pre elettorali ,,,,, la solita solfa si fa leva sulla sicurezza salvo poi far passare 7 /8 anni prima di vedere un filmato trasmesso dalle stesse telecamere grazie all' alloggiamento di un ripetitore di qualche campanile accondiscendente .
jena 18 marzo 2017 04:07
Mi piacerebbe sapere quanti casi hanno risolto queste CCTV. Il totale è vicino allo ZERO assoluto ... credo.
xenon 17 marzo 2017 21:07
Perché la zona più pericolosa di Lodi, è sempre la città bassa?
PAMPURIO 17 marzo 2017 20:22
Eh...già Jena, tu l'hai scritto papale papale.
SPEZZATINO 17 marzo 2017 20:20
Ne metterei un paio puntate sul meraviglioso bar del passeggio
jena 17 marzo 2017 19:42
A chi le vende Pampurio. Un bel business non credi?
hockey67 17 marzo 2017 15:09
....che rimarranno spente. Come sempre.
PAMPURIO 17 marzo 2017 14:10
Avanti nello sperpero. Cui prodest?