NEWS
martedì 27 giugno 2017 ore 17:46
S. Cirillo d'Alessandria
IL GIORNALE IN EDICOLA
LODI
Degrado
Martinetta invasa dai rifiuti a Lodi, spunta anche una discarica in un palazzo
8 gennaio 2017

Per fortuna che tutta quella montagna di rifiuti non è stata riversata direttamente sulla strada principale. In ogni caso, chi si trova di fronte allo spettacolo di decine di sacchetti accatastati sotto i balconi, resta senza parole. La discarica a cielo aperto si trova alla Martinetta, in viale Genova, all’interno di un piccolo parcheggio che garantisce l’accesso ad alcuni palazzi.

I bidoni per la raccolta differenziata sono stracolmi, quando sono aperti mettono in bella (si fa per dire) vista il contenuto, quando sono chiusi sopportano il peso di altri sacchetti parcheggiati sul coperchio.

Tutto intorno solo rifiuti: i sacchetti sono così numerosi, e probabilmente “stazionano” sull’asfalto da così tanto tempo, che si sono aperti, lasciando fuoriuscire cibo, cartone, bottiglie. La spazzatura si trova anche nel prato e tra i cespugli che fanno da cornice ai condomini.

Il degrado, però, è generale, perché in questo spiazzo si intravedono delle macchine che sembrano essere state abbandonate da anni, una di queste non ha più la targa. Le auto sono sporche e sommerse di foglie.

Un materasso è stato lanciato tra i mezzi posteggiati, una coperta copre un non meglio identificato oggetto.

Fuori dal parcheggio, vicino alla campana di vetro di viale Genova, la fotografia è sempre la stessa. Un tappeto di immondizia.

La Martinetta ha sempre avuto dei problemi legati al costante abbandono dei rifiuti, ma forse questa è la prima volta che si verifica un simile episodio. Al punto che ieri diverse persone hanno segnalato la situazione alla redazione, stupite per l’accaduto.

In passato divani, televisori e persino wc sono stati ripetutamente lasciati in viale Torino, vicino ai cassonetti, il Comune aveva installato una telecamera mobile per tentare di fermare i responsabili.

Costeggiando l’Adda si verifica lo stesso problema di sempre: sacchetti buttati sul ciglio della strada o nel verde, probabilmente anche da auto in corsa. In via Napoli, procedendo verso il fiume, ci si imbatte in due grossi sacchi neri sulla destra, poco più avanti si notano delle borsine a sinistra; altre seguono il tragitto dell’argine, fino a quando la quantità di immondizia aumenta, in corrispondenza della stanga che vieta il passaggio dietro il Capanno. Ormai da tempo sono stati abbandonati diversi rifiuti, notati solo dagli sguardi più attenti.

Greta Boni

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
20 commenti.
<< < 1 2 > >>
bruno59 10 gennaio 2017 08:21
Io comincerei a sanzionare anche i proprietari degi stabili affittati, se c'è degrado.
sebastian 09 gennaio 2017 20:07
Xenon chi ha voluto la differenziata porta a porta?
Diciamolo pure è stato un fallimento, con i cassonetti la città era più pulita, ora ovunque vai trovi sacchetti a terra a tutti gli orari, per non parlare delle periferie. La nostra Lodi è ridotta ad una fogna.
jena 09 gennaio 2017 18:54
xenon dovete invece ringraziare Uggetti per il suo lassismo di questi anni. Che cosa ha fatto a parte buttare via i vostri soldi e conciare Lodi come la periferia di Calcutta? Sporcizia ovunque e i VU inesistenti. Piscine chiuse perché aveva ... peggio di lui ... nessuno. Annushorribilis
Lodigiano 09 gennaio 2017 16:00
La zona Martinetta ( e ci sono residente da anni ) e' sempre stata un po' abbandonata a se stessa. Comunque mi sembra che la situazione in altri quartieri non sia meglio. Forse, se ci fosse piu' controllo da parte delle autorita' si potrebbero evitare questi casi e comunque ci vorrebbe anche molto piu' buon senso da parte delle persone .
Domenico 09 gennaio 2017 13:51
Orribile .... un altro motivo per sostenere che Lodi non esiste.
xenon 09 gennaio 2017 13:41
Questa mattina, dopo aver letto questo articolo, siamo uscite a fare un giretto nelle periferie di Lodi. Dopo aver contato 34 sacchetti abbandonati sui marciapiedi e vicino alle campane del vetro, siamo rincasate disgustate. In viale Papa Giovanni XXIII, davanti alle scuole, abbiamo trovato addirittura un preservativo. Adesso che non c'è più Uggetti, gli sciacalli non ne sparano più.
Stib 09 gennaio 2017 13:17
Condivido la domanda di Fender. Quello che manca qui è la risposta.
bruno59 09 gennaio 2017 12:57
Lingalingò, forse una volta...
Oggi si abbandonano i sacchi di foglie del giardino vicino alla campana del vetro ..
E il giardino non ce l'hanno le case popolari o gli extracomunitari...
alex 09 gennaio 2017 11:00
Più che la telecamera servirebbe un omino nascosto in macchina pronto a saltare fuori e multare (ed eventualmente denunciare) chi viene colto sul fatto!
Fender 09 gennaio 2017 10:17
Chi ci abita in quelle case?