NEWS
lunedì 23 ottobre 2017 ore 13:36
S. Giovanni da Capestrano
IL GIORNALE IN EDICOLA
CENTRO
Sul cavalcavia A1
Incidente mortale sulla 235 a Pieve
28 settembre 2017

Schianto fatale sulla provinciale 235. Alle 15 di giovedì un uomo di 49 anni, in scooter, è stato travolto sul cavalcavia autostradale di Pieve Fissiraga da un autobus della Star, diretto verso Lodi. Nell’impatto ha sfondato il vetro anteriore e la portiera sul lato destro (da cui salgono i passeggeri), mentre lui è stato trascinato per alcuni metri prima che il mezzo riuscisse a fermarsi.

A terra, senza vita, è rimasto l’egiziano Eltabbakh Eid: viveva in via Napoli a Lodi, in zona Martinetta, e lavorava come cuoco. Ieri non era solo. Su un secondo ciclomotore alle sue spalle c’erano infatti anche la fidanzata e un amico.

La donna, di 43 anni, si è sentita male quando ha capito la gravità dell’incidente ed è stata a sua volta soccorsa dal “118” e portata all’ospedale di Lodi con un’ambulanza. Inutile invece l’intervento per salvare il 49enne. In zona è arrivata anche l’eliambulanza da Milano, con il personale sanitario che si è calato con una fune verso la provinciale dato che non c’era lo spazio sufficiente per un atterraggio in sicurezza.

Ma dopo una lunga manovra di rianimazione, purtroppo vana, è stato dichiarato il decesso dello straniero e il suo corpo sull’asfalto è stato coperto con un telo. Per i rilievi e chiarire l’accaduto sono intervenuti gli agenti della polizia locale dei vicini comuni di Cornegliano, Pieve, Massalengo e Borgo San Giovanni, riuniti nella gestione associata, mentre i carabinieri della compagnia di Lodi hanno dato una mano nella gestione del traffico. Il cavalcavia è stato chiuso e i veicoli in arrivo nelle due direzione sono stati deviati nella rotonda sottostante.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
13 commenti.
<< < 1 2 > >>
bruno59 30 settembre 2017 20:44
Fender sugli scooteristi ha fatto una analisi molto precisa.
Bulldog,mai il motociclista ha il diritto di superare colonne di auto se ci sono le opportune segnalazioni (linee continue).
Molti pensano anche che si possa(debba..) superare la fila delle auto al casello con la moto..
Bulldog 30 settembre 2017 09:14
Io non do colpa a nessuno io guido sia la macchina,camion e moto quando mi reco al lavoro con la moto posso solo dire che automobilisti stupidi ce ne sono a bizzeffe non hanno ancora capito che durante la marcia o in colonna devono tenere il più possibile il margine dx della carreggiata e questo per la maggior parte non avviene sono sulla striscia di mezzaria, quindi il motociclista per passare deve invadere la corsia opposta che ne potrebbe fare a meno,
Fender 29 settembre 2017 18:27
Chi viaggia su due ruote, come e' stato giustamente detto, e' sempre il piu' vulnerabile per strada. Riguardo alla infinita diatriba tra quattro e due ruotisti, da motociclista e ciclista, posso dire che chi guida la moto generalmente usa anche l'auto e quando guida quest'ultima e' molto piu' attento della stragrande maggioranza dell'automobilista medio. Un po' diverso e', a mio avviso, il discorso sugli scooteristi che per la maggior parte usa quel mezzo solo come sostitutivo dell'auto per evitare il traffico: gente senza cultura, storia e pratica delle due ruote che ne combina di tutti i colori! Faccio questo discorso in generale, senza alcun riferimento all'incidente oggetto dell'artico. A peterpiero20 dico che ha perso una splendida occasione di tacere....
mau77 29 settembre 2017 15:45
certo è sempre giusto attendere gli esiti dei rilievi per capire di chi è la colpa. non diamo sentenze affrettate. come dice Flyerduck le due ruote sono la parte più vulnerabile. poi sentiremo sempre i 4 ruote che accusano i 2 ruote e viceversa.... sarebbe utile che a fine anno venisse redatto un bilancio nazionale delle causa principali di incidenti e la percentuale di colpa negli scontri tra 2 e 4 ruote. questo dato potrebbe "aiutare" a far riflettere tutti gli utenti della strada e a prendere eventuali misure cautelative/ correttive. e poi siamo sempre li se TUTTI si stesse più attenti non succederebbero certi incidenti. Poi se capita il caso fatale/inevitabile ok per carità ma con l'attenzione e rispetto del CDS avremmo un calo di almeno l'80% dei sinistri. manca una vera e propria educazione nel rispetto della vita e del prossimo e delle regole stradali. riflettiamoci su e forse smetteremmo di vedere auto che corrono come dei missili o che non danno precedenze ecc ecc ....e cosi eviteremmo dei morti .
UltrasPice 29 settembre 2017 14:54
una cosa che però non concepisco è come si possa tollerare perché tutti lo sanno e non applicano la legge vigente dei 40 km/h che circolino "cinquantini" a cui vengono rimossi i fermi della velocità vedendoli sfrecciare a 100 km/h in mano a minorenni.
UltrasPice 29 settembre 2017 14:50
ogni giorno siamo a discutere sulla sicurezza stradale e puntiamo il dito su velocità distrazione alcol telefono ma come al solito succedono e succederanno sempre perchè "gli altri siamo noi".
luciano62 29 settembre 2017 12:15
Come al solito quando un motociclista é vittima di un incidente,c'è il solito genio di turno che senza avere informazioni già pontifica sulle cause dell'incidente, naturalmente certificando subito la colpa del motociclista.
Vergognati peterpiero20, cerca soprattutto di avere più rispetto per chi,al di là di come si sono svolte le cose, é morto.
Quando vai in giro guarda quanti automobilisti ,diligenti e rispettosi del codice, guidano al cellulare senza rendersi conto delle reali condizioni del traffico.
Pensaci bene prima di dare colpe.
Flyerduck 29 settembre 2017 10:53
Che tragedia. RIP.
Purtroppo quel ponte è molto stretto, ospita traffico pesante nelle due direzioni e non c'è margine per errori (ondeggiamento anche involontario delle due ruote o distrazione dei conducenti).
Il fatt oche ci siano sempre in mezzo le due ruote è inevitabile, sono la parte più vulnerabile del traffico. Sarebbe il caso che i conducenti delle quattro ruote facessero più attenzione, perché spesso guidano come se le due ruote fossero un fastidioso inconveniente da espellere dal traffico.
cloro62 29 settembre 2017 09:59
il nostro consulente ha già stabilito la dinamica dell'incidente leggendo le due righe dell'articolo. complimenti per l'acume e il cinismo.
hermes 29 settembre 2017 09:54
peterpiero20,scommetto che tu non usi mezzi a 2 ruote x spostarti...solo auto!bici e moto sono i mezzi piu'a rischio,vulnerabili sempre!!!ANCHE QUANDO HANNO RAGIONE!