NEWS
lunedì 23 ottobre 2017 ore 13:30
S. Giovanni da Capestrano
IL GIORNALE IN EDICOLA
CENTRO
San Colombano
Vandali a scuola, il Comune chiede i danni
12 settembre 2017

Il comune di San Colombano chiederà i danni per i vandalismi alla scuola elementare, mentre non scatterà un progetto sociale collettivo per il ravvedimento per i 14 responsabili, quasi tutti minori, degli imbrattamenti e dei danneggiamenti ripetuti in più irruzioni nella palestra del plesso avvenuti tra il 20 e il 31 agosto. A scoprire i responsabili, dopo la denuncia arrivata il 1 settembre, sono stati i carabinieri di San Colombano, che nel giro di 24 ore con un’attenta e rapidissima indagine avevano individuato tutti gli autori. Giovedì scorso le famiglie e i ragazzi hanno incontrato proprio a scuola il sindaco Pasqualino Belloni, il vice Battista Bianchi e l’assessore Giovanna Ferrandi, per un confronto a viso aperto sull’accaduto. I responsabili sono 14 ragazzini e ragazzine di San Colombano, d’età compresa tra i 12 anni del più piccolo e i 19 dell’unico maggiorenne del gruppo.

«In caso di processo, abbiamo dato mandato al segretario dell’ente di predisporre gli atti per costituirsi parte civile», aveva detto il primo cittadino Pasqualino Belloni. Concetto ribadito di fronte alle famiglie giovedì scorso

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
21 commenti.
<< < 1 2 3 > >>
scontenta 13 settembre 2017 11:54
violenza, maleducazione e problemi relativi al rapporto genitori e figli appartengono ad ogni razza e ad ogni livello sociale e culturale
bruno59 13 settembre 2017 09:59
Miriam..cosa sta dicendo??? Che i figli delle persone abbienti è più facile che siano educati??
fabnews 13 settembre 2017 09:43
non fa una grinza, Steven
miriam 13 settembre 2017 08:26
non scandalizziamoci più di tanto perchè anche i figli di persone abbienti, spesso rattristano....
portuense 13 settembre 2017 07:44
pagare i danni, TUTTI, intervento della polizia compreso.
Steven 13 settembre 2017 07:25
Plaudo al sindaco che ha voluto incontrare gli autori e le famiglie. Sul rifondere il danno economico ok, ma i ragazzi dovrebbero partecipare attivamente al ripristino di quanto deturpato per capire che ogni gesto ha una sua diretta conseguenza pratica e non che basta avere i soldi per pagare e tutto finisce lì
gigia38 12 settembre 2017 19:01
Penso che sis educativo il comportamento del sindaco. Un confronto con i genitori con i propri figli per restituire il danno fatto in denaro serve a prendere a tutti le proprie responsabilità
woofer 12 settembre 2017 17:21
12 anni il più piccolo...promette bene
Stella 12 settembre 2017 14:33
Cari genitori adesso fate capire ai vostri figli quanto vi costeranno...
Albertissimo 12 settembre 2017 14:04
e ci mancherebbe che non pagassero!! Ora che non so venga a dire che poi i ragazzi ne ricaverebbero un trauma da questa punizione...