NEWS
lunedì 25 settembre 2017 ore 09:58
S. Sergio di Radonez
IL GIORNALE IN EDICOLA
CENTRO
San Colombano
Taglia un bosco senza permesso, denunciato 70enne pavese
5 gennaio 2017

Taglia un bosco senza permessi in zona Chiavaroli in collina, in zona sotto tutela paesaggistica, le Guardie ecologiche volontarie di San Colombano lo colgono sul fatto e parte la denuncia penale. Guai in vista per M.A. di 70 anni, residente a Miradolo Terme. Il taglio del bosco è avvenuto al confine tra San Colombano e Miradolo Terme, in territorio di San Colombano, nei giorni prima di Natale, con la denuncia scattata la vigilia.

L’uomo aveva presentato una richiesta regolarmente autorizzata per il taglio di circa 70 quintali di robinia per uso familiare. Ma al momento di fare legna, in realtà ha tagliato mezzo bosco, almeno al momento in cui è stato bloccato dalle Guardie volontarie di San Colombano. Sul posto infatti è stata rinvenuta una catasta di legna, poi posta sotto sequestro, ed è stato fermato un uomo con rimorchio agricolo che dichiarava di aver effettuato due viaggi, di essere in procinto a farne un terzo e di averne in programma altri tre, ciascuno dalla portata di circa 120 quintali. In realtà, dunque, sono stati tagliati molti quintali in più di quelli dichiarati, tra i 500 e i 700 quintali circa, e non solo robinia ma anche ontano nero, il cui taglio è vietato.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
14 commenti.
<< < 1 2 > >>
kojak 08 gennaio 2017 21:36
Purtroppo le norme paesaggistiche valgono anche se i terreni sono privati. Il problema è che diamo parlando di pregiatossime 'robinie"...Potrei raccontarvi lo scempio compiuto da enti pseudo pubblici che in nome di una pseudo-pubblica utilità se ne fanno un baffo delle norme paesaggistiche.
cloro62 08 gennaio 2017 21:13
@issor1960: mai sentito parlare di vincoli ambientali? o di norme forestali regionali? se ti interessa: http://www.agricoltura.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Redazionale_P&childpagename=DG_Agricoltura%2FDetail&cid=1213596825801&packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue&pagename=DG_AGRWrapper
geo 05 gennaio 2017 21:16
Cippalippa!adesso capisco perché dove abitavi prima non le erbacce erano alte anche 1 metro che i bambini ci giocavano a nascondino,non volevi infrangere la legge !!
ISSOR1960 05 gennaio 2017 20:49
La domanda che mi faccio è questa:
il bosco è demaniale o privato? se è demaniale il signore che ha tagliato più del dovuto deve condannato, se è privato dove sta il reato?
albino marx 05 gennaio 2017 18:29
Finalmente qualcosa si muove. Nel Lodigiano è una vergogna. Tagli indiscriminati e nessuno sente mai le motoseghe.
never summer 05 gennaio 2017 18:27
se al ciapa 200 euro de multa le tant :)
cloro62 05 gennaio 2017 16:50
mistificatori da quattro soldi all'opera.
el malcagad 05 gennaio 2017 16:48
Etnie rom che sul canale Muzza si portano (rubando) via centinaidi litri d'acqua con i camioncini x le loro coltivazioni:caro siluro le G.E.V hanno una media di 65/70 anni,dovrebbero intervenire le Guardie Provinciali,ma ci sono ancora?
pbirillo 05 gennaio 2017 16:33
Ma con tutti i problemi che abbiamo noi italiani in questo momento...fare una panzana per delle robinie altamente infestanti? Ma quasi quasi lo invito a tagliare quelle di casa mia almeno evito di farlo io.....!!! :-))
siluro46 05 gennaio 2017 16:11
Se ci sono delle regole vanno rispettate. Al signor M.A. sarebbe bastato dichiarare di essere di etnia rom e nessuno gli avrebbe mosso obiezioni, rubano rame nei cimiteri e sulle condutture elettriche, svaligiano appartamenti ed aziende, spacciano di tutto e raramente vengono colti sul fatto, appena un italiano piscia fuori dal vaso si scatenano le forze armate, a tal proposito chi e cosa sono Le guardie ecologiche "volontarie"? qualcuno me lo sa dire?