NEWS
martedì 21 febbraio 2017 ore 11:11
S. Pier Damiani
IL GIORNALE IN EDICOLA
CENTRO
Aveva 79 anni
Sant’Angelo, stroncato da un malore don Angelo Daccò
2 gennaio 2017

Ieri pomeriggio stava per raggiungere la marcia della pace in partenza dal rione San Rocco, quando un malore lo ha sorpreso in piazza monsignor De Martino e non gli ha dato scampo: don Angelo Daccò, missionario in Africa dal 1963 al 2007 e da 9 anni fa a oggi assistente religioso all’ospedale di Sant’Angelo Lodigiano, si è spento ieri pomeriggio. Era nato a Maiano il 5 giugno del 1937 e proprio in quella chiesa in cui era stato ordinato il 28 maggio 1961 (assieme al cugino don Davide) ieri mattina alle 11 ha voluto celebrare la Messa, anche se martedì dopo Natale aveva cominciato a non sentirsi bene. Lamentava forti bruciori allo stomaco ma non prima di giovedì prossimo l’avrebbero sottoposto a un esame per capirne di più. Ieri erano da poco passate le 17 quando ha posteggiato la sua auto in piazza monsignor De Martino, a Sant’Angelo, e si è incamminato assieme a un collaboratore. Che, quando lo ha visto accasciarsi, ha subito compreso la gravità della situazione e avvertito il “112”. Sono accorsi la Croce Bianca e un’automedica ma già durante il trasporto verso l’Ospedale Maggiore di Lodi le condizioni si sono ulteriormente aggravate e ai medici non è rimasto altro che constatare il decesso. Il vescovo di Lodi monsignor Maurizio Malvestiti e il vicario generale don Bassiano Uggè sono andati subito a fargli visita nella camera mortuaria, dove rimarrà anche oggi, i funerali saranno celebrati invece domani.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
2 commenti.
giordano71 03 gennaio 2017 04:17
concordo appieno con gengiscan
Gengiscan 02 gennaio 2017 11:02
CARISSIMO DON ANGELO.MI,CI,MANCHERAI TANTISSIMO,IMPOSSIBILE DIMENTICARE LE TUE UMILI E SEMPLICI OMELIE DOMENICALI IN OSPEDALE,TUTTI I MERCOLEDÌ CONFESSAVI IL POPOLO DI DIO IN BASILICA A SANT'ANGELO LODIGIANO,E ITUOI QUARANT'ANNI. DA MISSIONARIO,QUANDO INSIEME A TANTE VICENDE MI HAI RACCONTATO CHE ERI SCAMPATO AD UN ATTENTATO DOVE FU UCCISO UNA GUARDIA CHE TI AVEVA PROTETTO.SIAMO COSTERNATI MA CERTI CHE DAL PARADISO PREGHERAI PER TUTTI NOI.I SANTI NON RIPOSANO MAI NEANCHE IN CIELO,PREGA PER NOI E PER I POVERI DEL MONDO CHE TU HAI AMATO TANTO IN TERRA.PRO VERITATE ADVERSA DILIGERE.