NEWS
martedì 17 ottobre 2017 ore 22:27
S. Ignazio d'Antiochia
IL GIORNALE IN EDICOLA
BASSA
Sanità
«Stanno smantellando l’oncologia di Casale»
20 aprile 2017

Accorpamenti in vista per l’estate al settore oncologico dell’ospedale di Casale, nella riorganizzazione rischiano di finire il reparto oncologico, il servizio di day hospital e forse anche l’hospice. Obiettivo ridurre i posti letto, in modo da poter far fronte alle attività con il minor personale disponibile, già oggi ridotto all’osso in tutta l’oncologia dell’Azienda ospedaliera per i mancati rimpiazzi dei medici e degli infermieri usciti per pensionamento o spostati in altri servizi. Personale medico e infermieristico in subbuglio, e ora scende in campo anche il Samaritano, la onlus della Bassa che da anni è attiva nella cura del paziente oncologico e della famiglia, direttamente con il suo presidente Roberto Franchi, ex oncologo a Casale oggi in pensione. «Negli ultimi anni abbiamo assistito a un lento, progressivo, scientifico smantellamento di quel piccolo gioiello di efficienza, professionalità, umanità» si legge in una lettera aperta.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
7 commenti.
Dragon 26 aprile 2017 10:00
Ezio, Lodi ha il problema di non avere una buona reputazione per quanto riguarda le cure. Circa le cause ognuno faccia le proprie considerazioni... Purtroppo si cerca sovente come soluzione di smantellare quel che c'è di buono a Casalpusterlengo e Codogno. Prima di agire occorrerebbe fare alcune considerazioni sui tempi di attesa delle varie strutture.
RIN 21 aprile 2017 21:13
Ha ragione Dragon. Bisognava pensarci il 4 dicembre con il referendum!!!!!!!
ezio 21 aprile 2017 14:04
A Lodi non hanno mai digerito quanto fatto negli anni a Casale per questo appena ne hanno l'occasione ne demoliscono un pezzo
sergioalessi 21 aprile 2017 12:38
Migranti, Def: nel 2017 costi fino a 4,6 mld. fonte il sole24 ore. FRONTEX denuncia un traffico con gli scafisti da parte di ONG con navi che vanno fino alle coste libiche, caricano e portano in Italia.
e qui si tagliano le spese sociali e sanitarie
babix 21 aprile 2017 10:35
VERGOGNA!
Dragon 21 aprile 2017 10:08
E' una vergogna! Si dovrebbero valorizzare i poli di eccellenza. Che iniziassero a indagare sui giri dei soldi nella sanità e poi si pensi a razionalizzare.
viro59 20 aprile 2017 23:38
quando qualcosa funziona i soliti dirigenti, piazzati nei posti di potere solo per simpatie di partito... cercano di sfasciarla! non si capisce lo scopo ultimo! proprio non si capisce! almeno la mafia ha come scopo di attirare soldi! ma costoro? che scopo hanno? mistero delle beghe di partito!