NEWS
venerdì 21 luglio 2017 ore 18:37
S. Lorenzo da Brindisi
IL GIORNALE IN EDICOLA
BASSA
Nas
«Nel macello di Guardamiglio violate le norme sulla mucca pazza»
28 febbraio 2017

«Le colonne vertebrali di bovini di oltre 30 mesi di età non venivano separate dalla carne e distrutte, come invece imposto dal ministero della Sanità»: così ha testimoniato oggi un carabiniere del nucleo antisofisticazioni di Cremona al processo che vede imputati il legale rappresentante di un macello di Guardamiglio, S.M., 47 anni, cittadino del Pakistan, e uno dei dipendenti, C.S., 49 anni, piacentino di Monticelli d’Ongina. A loro carico le imputazioni di frode in commercio, commercializzazione di prodotti pericolosi per la salute e inosservanza di provvedimenti dell’autorità per motivi di salute pubblica.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
5 commenti.
SPAZIOREGIONE 02 marzo 2017 11:42
anche la frutta e verdura sono a rischio perchè inquinati
miriam 02 marzo 2017 08:24
fortissimo Pongo!
Pongo 01 marzo 2017 15:23
Auspico solo che i signori indagati abbiano a che fare con giudici e magistrati vegetariani!
Massy68 01 marzo 2017 10:34
Perché non farla mangiare a questi illustri signori? Speriamo che questi controlli continuino....
miriam 01 marzo 2017 08:54
speriamo di non averla inavvertitamente consumata!