NEWS
BASSA
Codogno
Muore la notte di Natale all’hospice, ma nessuno gli fa il funerale
28 dicembre 2016

Muore di cancro la notte di Natale, all’hospice di Codogno, e nessuno gli fa il funerale. Una vicenda triste, di povertà, quella che ha riguardato Francesco Carta, 60enne di Lodi Vecchio, ex muratore. Ieri, in tarda mattinata, finalmente, grazie all’intervento dell’ex fidanzata e del medico Paolo Costa, la vicenda si è risolta positivamente. È stata chiamata l’agenzia funebre e il sindaco di Lodi Vecchio Alberto Vitale ha promesso che si farà carico delle esequie. Salvo forse, poi, rivalersi sui parenti. A denunciare la situazione l’ex fidanzata.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
13 commenti.
<< < 1 2 > >>
el malcagad 30 dicembre 2016 16:17
Penso che siamo arrivati ad un punto di non ritorno,l'indifferenza prevale sul buon senso:Caro Francesco Buon Anno e............. Ciao
PAMPURIO 30 dicembre 2016 10:26
Concordo con Stella.
GIAMBA 30 dicembre 2016 07:49
Concordo con cio' che ha detto Renato 590,ma mi sorge un dubbio:senz'altro il povero Signor Carta non ha avra' possedimenti e danaro,altrimenti si sarebbero visti tanti...parenti...e...amici.
Comunque sia una preghiera e un riposa in Pace da tutti noi.
castagna 29 dicembre 2016 21:25
Assurdo, ma in che mondo viviamo?!!
Stella 29 dicembre 2016 21:11
Continuo ad insistere, che ci pensi il comune sempre e comunque, ricchi e poveri. La legge è una schifezza, le tasse comunali sono comprensive per il mantenimento dei cimiteri.
Ebbasta con "è la legge"!
Almeno da morti lasciateci in pace!
gic 64 29 dicembre 2016 19:13
Quando leggo di una persona che muore da sola senza nessuno accanto,mi viene una tristezza addosso....
miriam 29 dicembre 2016 16:21
grande renato590!!!....Purtroppo negli ospedali tanta gente muore nell'anonimato e spesso gli esseri umani in questi ambiti si disumanizzano...Bisogna tornare a spronare gli addetti dicendo loro come diceva san Camillo "Più cuore in quelle mani, fratelli"
renato590 29 dicembre 2016 14:41
Spero solo che il Signor Franco non sia morto da solo e che in quel momento ci sia stato qualcuno che gli teneva la mano.
Come recita il Vangelo "Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me".
Ulsan1 29 dicembre 2016 12:31
Stella.
Prima di tutto i parenti.
In caso non ci fossero interviene il Comune.
Questo dice la legge.
Che pena i parenti. ...!!!!!
Massy68 29 dicembre 2016 11:06
Io non conosco il signore... però è giusto che vengano interpellati i parenti quando ci sono... prima ancora del Comune. Se ci fosse eredità andrebbe sicuramente ai parenti...