NEWS
mercoledì 28 giugno 2017 ore 02:24
S. Ireneo
IL GIORNALE IN EDICOLA
NOTIZIE
Terremoto
Aiuti “dimenticati”, il ministro Boschi risponde in Parlamento
13 novembre 2016

La questione dei beni mai arrivati ai terremotati arriva a Roma. Ieri nel question time del parlamento ai ministri, l’onorevole Ignazio La Russa ha ripreso l’appello lanciato lunedì sulle pagine de “Il Cittadino” da Nancy Capezzera, e ha chiesto al ministro per i rapporti con il parlamento Maria Elena Boschi se fosse possibile destinare i materiali raccolti per il Reatino ai luoghi delle Marche che hanno appena subito un altro terremoto. «Ci sono molti materiali raccolti nel Lodigiano per Amatrice che non sono stati inviati nel Reatino, e ora si parla di una possibile destinazione a onlus locali – ha detto La Russa -. Chiedo al ministro se è possibile attivarsi per fare in modo che questi beni arrivino nelle Marche colpite dall’ultimo sisma». La risposta di Boschi (a destra, ndr) è stata chiara, anche se il Ministro non ha raccolto informazioni dirette a Lodi: «Con riferimento a quanto raccolto dalla comunità di Lodi, una generosità encomiabile, vale la pena ricordare che da subito la protezione civile aveva detto di non fare raccolte perché non necessarie. Alla protezione civile nazionale in ogni caso non risultano richieste dalla protezione civile della provincia di Lodi per portare i beni nel Centro Italia né perché si vada a prenderli. Detto questo, anche nelle Marche non risultano necessità di beni o materiali, e in questi casi è consuetudine in presenza di beni deperibili che a livello regionale si organizzino raccolte con le onlus che si occupano di solidarietà». I beni del Lodigiano però non erano deperibili. «Le protezioni civili regionali e provinciali in caso di emergenza hanno il dovere di interloquire direttamente tra di loro, non ci si può nascondere dietro richieste ufficiali formali – il commento di Nancy Capezzera che per prima aveva lanciato l’appello per destinare i beni fermi a Lodi nelle Marche -. A questo punto però è necessario vederci chiaro e anche con colleghi di altri partiti chiederemo un incontro al responsabile della protezione civile di Lodi».

Andrea Bagatta

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
10 commenti.
ezio 11 novembre 2016 12:33
PengYou,ma per favore ..Lei si che vive felice e gabbato!
luigi57 11 novembre 2016 00:34
fare piena luce su chi si è arrogato il diritto di devolvere i beni destinati hai terremotati ad altri enti, senza coninvolgere le varie giunte comunali.
gic 64 10 novembre 2016 19:44
@pengyou,ma Lei vive in Italia?
dana 10 novembre 2016 15:46
@Pengyou, che ci pensino i parlamentari dimezzandosi lo stipendio!
Fender 10 novembre 2016 15:40
Personalmente non ho sospetti. Ho certezze. Sara' per questo che vivo tranquillo e sereno. Tranquillita' e serenita' che non so se potranno avere altri con il pelo sullo stomaco che hanno e che gli permette di compiere tutte le nefandezze che stanno compiendo!
Pengyou 10 novembre 2016 13:42
Ricordo che tanti anni fa in occasione di una carestia mandammo in India tonnellate di carne Simmenthal. Alle navi fu impedito perfino l'attracco.
Se vogliamo inviare aiuti non richiesti non facciamo altro che peggiorare le cose.
Se la protezione civile richiede soldi penso che voglia la cassa pronta per le vere emergenze.
Dai commenti vedo sovente la teoria del sospetto che in questi casi e' fuori posto.
Non ho mai visto un sospettoso sereno e tranquillo; quindi togliersi il sospetto permette di vivere la vita con maggiore serenita'.
Fender 10 novembre 2016 11:49
Soldi, solo soldi.... fategli avere tanti soldi... che schifo!!!!!!
ezio 10 novembre 2016 11:04
Vogliono solo soldi, quelli è più facile farli sparire!
never summer 10 novembre 2016 10:34
il nulla
wampus 10 novembre 2016 10:03
Che schifo e la c'è gente che ne ha bisogna (POR ITALIA)