NEWS
sabato 21 ottobre 2017 ore 17:34
S. Orsola e compagne
IL GIORNALE IN EDICOLA
LODI
Il caso
Vietata l’ispezione dei Radicali al carcere di Lodi
19 giugno 2017

Visite annullate alle carceri di Lodi e Vigevano. Sabato una delegazione lodigiana del Partito radicale avrebbe dovuto ispezionare l’istituto di detenzione di via Cagnola, ma i permessi, abitualmente erogati dal ministero della Giustizia, non sono stati concessi: «Abbiamo aspettato fino a venerdì notte, sappiamo che le autorizzazioni possono essere confermate anche all’ultimo, ma per la prima volta in un anno non sono arrivate», spiega Guido Biancardi, in rappresentanza dei Radicali di Lodi che aspettavano di confrontarsi con il direttore delle case circondariali di Lodi e Vigevano, Davide Pisapia. L’obiettivo era verificare le condizioni in cui vivono i detenuti e i disagi dovuti al sovraffollamento che a Lodi, riferisce Biancardi, è un problema ormai cronico. Lo “stop” è arrivato inaspettatamente sabato: «Non conosciamo le ragioni del rifiuto né sappiamo se sarà possibile continuare questo tipo di iniziative. Cercheremo di avere chiarimenti e fissare eventualmente una nuova data per l’ispezione».

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
8 commenti.
scontenta 26 giugno 2017 20:37
temo di essere completamente d'accordo con Mirian
faccio notare che i radicali si sono sempre prodigati per gli esclusi,gli indifesi e per i problemi che nessuno voleva considerare
non voglio fare fatica, se interessa cercare su internet,altrimenti continuare pure a dire quello che si vuole, non si cambia la relatà, i radicali l'hanno cambiata
miriam 21 giugno 2017 18:07
UltrasPice caro, la pena è chiaro che deve essere assolutamente applicata ma nel frattempo deve essere una scuola di recupero della Persona e non mi sembra affatto che queste realtà lo siano....
UltrasPice 21 giugno 2017 14:59
miriam ha il cuore duro come la pietra chi vorrebbe che la maggior parte di chi delinque sia rispedito a casa propria o punito severamente in carcere oppure chi uccide stupra spaccia rapina ???
xenon 20 giugno 2017 17:44
Biancardi, sappiamo che siamo vicini alle elezioni politiche e vi votano solo i reclusi; abbiamo altro a cui pensare. Lascia perdere e pensa achi è fuori dal carcere.
miriam 20 giugno 2017 10:00
bisogna capire chi ha il cuore più duro della pietra...
Albertissimo 20 giugno 2017 08:40
faccio una domanda...perché i signori radicali non vanno a fare visita nelle case dei nostri poveri anziani, delle famiglie con disabili in casa, di tutte quelle famiglie italiane che vivono in un buco fatiscente dove gli piove dentro (striscia e le jene hanno fatto diversi servizi in merito!) invece di preoccuparsi delle condizioni di vita dei delinquenti, ricordo che LA GALERA NON è E NON DEV'ESSERE UN HOTEL A 5 STELLE!!!! Per fortuna non c'è più pannella che sventolava proclami sull'indulto...ci sono troppi delinquenti nelle carceri?? Ok, non li si butta fuori, ma si costruiscono nuove carceri e la mano d'opera dev'essere presa tra gli stessi delinquenti!!
miriam 20 giugno 2017 08:26
speriamo che in futuro vengano aboliti questi luoghi di detenzione e optare per un altro tipo di recupero delle Persone, perchè dalle carceri difficilmente escono uomini nuovi e rinnovati.....Tanti auguri a Coloro che si trovano all'interno di queste realtà :-)
luis67 20 giugno 2017 07:29
Costruiamo più carceri e mettiamoli comodi!!