NEWS
Elenco ultime notizie non dsponibili, scusate il disagio.
domenica 23 luglio 2017 ore 14:34
S. Brigida
IL GIORNALE IN EDICOLA
SUDMILANO
Verso le elezioni
San Donato al voto, il nostro viaggio nei quartieri
21 aprile 2017

I piccoli problemi quotidiani, come la manutenzione di strade e parchi pubblici, il tema della sicurezza e quello della carenza di servizi in alcune zone della città. E ancora, locali pubblici chiusi e una convivenza tra italiani e stranieri che non sempre è tranquilla. Sono solo alcuni degli aspetti che verranno affrontati durante il viaggio dentro la città di San Donato Milanese che affronterà dalla prossima settimana «Il Cittadino». Attraverso pagine monografiche i nostri giornalisti racconteranno in maniera ancora più approfondita i quartieri, con le loro peculiarità e le tante problematiche.

Intervisteremo commercianti, cittadini, responsabili dei centri di aggregazione e i parroci, che nei nostri centri spesso hanno il polso della situazione e sono in grado di descrivere con precisione contraddizioni e problemi sociali. Il viaggio del «Cittadino» si inserisce nel contesto della campagna elettorale in corso a San Donato Milanese e vuole offrire alla città e ai candidati la mappa dei problemi da affrontare e delle risorse da valorizzare.

Partiremo mercoledì 26 aprile parlando di Metanopoli, un quartiere che sta lentamente invecchiando, dal quale emergono lamentele per la manutenzione e il bocciodromo rappresenta una ferita aperta. Intervisteremo la gente, pubblicheremo le foto dei centri d’aggregazione, dei bar, dei luoghi più frequentati. Ci sposteremo poi negli altri quartieri e di volta in volta i lettori potranno trovare indicazioni utili sul nostro sito www.ilcittadino.it. Appuntamento dunque mercoledì 26 aprile in edicola con la prima tappa del nostro nuovo viaggio.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
Un commento.
Albertissimo 27 aprile 2017 08:50
gira che ti rigira non cambierà nulla fintanto che non cambierà la realtà nazionale. E' utopia pensare che possa esistere un governo che pensi ai bisogni del cittadino, che tra gli imprenditori non esista la corruzione, che spariscano dalla faccia della terra zingari e clandestini, che ci sia una società in cui tutti hanno un lavoro onesto e una casa, che ci sia la certezza della pena e zero sconti a chi delinque, quindi se tutto ciò manca a livello nazionale figuriamoci nella realtà di un comune!