NEWS
venerdì 20 ottobre 2017 ore 14:23
S. Maria Bertilla Boscardin
IL GIORNALE IN EDICOLA
CENTRO
Tavazzano
Si schianta e picchia soccorritori e carabinieri: la notte folle dell’imprenditore
21 aprile 2017

È stata una nottata difficile da dimenticare, per un imprenditore incensurato della provincia di Pavia, quella tra mercoledì e giovedì: dopo una lunga serie di intemperanze è finito in manette per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, e lo attende anche un procedimento per guida in stato di ebbrezza.

L’uomo, R.F., che lavora sempre di notte e ha trenta dipendenti, tra le 4 e le 5 del mattino si è schiantato contro un guard rail sulla via Emilia, all’innesto della tangenziale di Tavazzano. Poco dopo è intervenuta una gazzella del Radiomobile di Lodi, ma l’imprenditore sarebbe apparso da subito particolarmente agitato. «Da qualche tempo sta assumendo farmaci, e ciò sicuramente ha influito», si limita a sottolineare per ora l’avvocato di fiducia Fabio Santopietro. Dopo aver fatto questioni sull’alcoltest (è emerso che avrebbe bevuto tre birre), i militari l’hanno convinto a salire in ambulanza per farsi visitare e medicare, ma a un certo punto avrebbe colpito un lettighiere e, dopo aver danneggiato il veicolo, si sarebbe anche lanciato fuori dall’ambulanza. Carabinieri e soccorritori l’hanno bloccato, evitando che rischiasse di venir investito sulla via Emilia.

Dopo la visita in ospedale, data l’accusa di aver anche colpito almeno uno dei militari (per 6 giorni di prognosi) è stato portato in caserma per le formalità dell’arresto e in attesa dell’udienza di convalida in tribunale. Ma, invece di calmarsi, avrebbe anche imbrattato la camera di sicurezza. L’udienza si è tenuta solo ieri pomeriggio e l’arresto è stato convalidato, con l’imposizione dell’obbligo di firma ogni giorno presso la caserma dei carabinieri della città di residenza in Lomellina.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
5 commenti.
aterossakkom 25 aprile 2017 20:23
@XENON le carceri italiane fanno passare la sbornia? uahjhajhajhajha
si vede che scrivi proprio solo baggianate pur di scrivere.... uhauhauahhuh
le carceri italiane non sono serie sono solo degli hotel a due stelle con le sbarre alle finestre e nulla di più, ben più lontana dalla casa correttiva che dovrebbe essere...
cippalippa 21 aprile 2017 16:31
Prende farmaci .... Farmaci potenti!!!!
VIDARDO81 21 aprile 2017 13:10
E per mandare giu le pastiglie mi sa che usa la vodka. Cmq... roba da matti.
xenon 21 aprile 2017 12:48
Nelle nostre carceri, fanno passare alla svelta la sbornia.
Flyerduck 21 aprile 2017 10:39
Come farmaci mi sa che usa la polverina magica bianca.