NEWS
sabato 23 settembre 2017 ore 03:58
S. Padre Pio da Pietrelcina
IL GIORNALE IN EDICOLA
SUDMILANO
mazzocchi
Premiato il “maestro madonnaro” di Melegnano
21 agosto 2017

Alla sesta partecipazione al festival internazionale di arte sacra di Curtatone il melegnanese Tiberio Mazzocchi si è “laureato”: è diventato maestro madonnaro, vincendo il primo premio nella categoria “Madonnari qualificati” alla più importante manifestazione internazionale di arte sacra di strada. Il festival è arrivato alla 45esima edizione, attira 100mila visitatori nei due giorni della Festa dell’Assunta, e il 14-15 agosto scorsi ha avuto 166 partecipanti. Mazzocchi, artista dalla personalità sfaccettata - musicista, ricercatore di folklore, street performer - ha iniziato a frequentare il raduno ferragostano nel 2009 assieme agli altri melegnanesi Luigi Generani e Giuseppe Olmo Seresini. Nel corso delle edizioni Mazzocchi ha iniziato come madonnaro semplice, è passato a madonnaro qualificato e pochi giorni fa, con la prima piazza nel concorso qualificati, ha conseguito la possibilità di gareggiare dal 2018 nella sezione maestri. «Ma il titolo che conta di più è quello di quest’anno - spiega - perché vale appunto come un diploma che si conquista sulla strada». L’opera è una Pietà, o Compianto sulla morte di Cristo, intitolata “Apocalisse 5.5”. Si tratta di una scena con Maria e Gesù deposto dalla croce ritratti in sembianze africane, con in primo piano l’immagine di un leone che fa da intreccio fra i vari temi: «La lettura più semplice è il leone come richiamo all’Africa - annota l’autore - ma io ho voluto sviluppare il passo dell’Apocalisse di Giovanni, 5.5, nel quale si parla di un “leone della tribù di Giuda, il rampollo di Davide” che “ha vinto” e “permette di aprire il libro dei Sette sigilli”. Il leone è chiaramente un’allegoria di Cristo, ed è un simbolo che circola nell’arte sacra europea da secoli, basta pensare alle teste leonine che troviamo nei portali o nei fregi delle cattedrali medievali». Mazzocchi confessa di «aver impiegato due anni a concepire il soggetto, anche perché l’esecuzione contiene uno studio sui colori primari e sull’associazione di colori che non mi è costato proprio pochissimo, in termini di bozzetti e avvicinamenti al “quadro” finale». Definirlo “quadro” è in effetti fuorviante perché nessuna delle creazioni del festival delle Grazie sopravvive a lungo. Come tanti mandala di gesso, si dissolveranno alla prima pioggia sull’ asfalto. «Se posso indicare una caratteristica delle mie opere - aggiunge - direi che è quella di recuperare il ruolo del “madonnaro” come illustratore della storia sacra, ma in un modo creativo, che dice qualcosa di diverso dalla “solita” copia di Michelangelo o Caravaggio. Il madonnaro deve parlare per simboli, per allegorie popolari: non è facile fare un’allegoria, credo di essermi avvicinato a quel linguaggio, con gli anni».

Emanuele Dolcini

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
Un commento.
UltrasPice 24 agosto 2017 14:11
da "incapace" ammiro e stimo tutti coloro che eccellono nel campo artistico canoro e musicale.