NEWS
sabato 19 agosto 2017 ore 16:56
S. Giovanni Eudes
IL GIORNALE IN EDICOLA
SANTO DEL GIORNO
S. Elia

Sant'Elia è ritenuto dalla tradizione locale novarese il successore di San Giulio nell'opera di evangelizzazione delle terre cusiane. Secondo la Vita di San Giulio egli avrebbe dato sepoltura al giovane senatore Audenzio, che i famigliari vollero deposto presso la tomba del santo, e si dedicò alla cura della chiesa edificata da Giulio stesso. In seguito, Elia fu ritenuto il secondo vescovo di Sion vissuto agli inizi del secolo V che, per ignoti motivi, lasciata la sua sede episcopale, si sarebbe recato a soggiornare come sacerdote o eremita presso l'isola di Orta. Non è possibile stabilire su quali basi è stata proposta una simile identificazione, non presente nelle più antiche recensioni del racconto della vita di Giulio e per ora non suffragata da alcuna testimonianza storica attendibile. Elia è raffigurato nell'arte locale con abiti marroni, quasi monacali, simili a quelli con cui è ritratto San Giulio, come nell'affresco del XV secolo, visibile sulla parete sinistra della basilica dell'isola, che ricorda l'incontro tra i due santi. Unico riferimento alla sua presunta esperienza episcopale è la mitria, recata da un angelo, accanto al busto reliquiario settecentesco posto in una nicchia del coro. I presunti resti del santo, rinvenuti nel 1697 in una sepoltura individuata sul pavimento della chiesa, vennero successivamente collocati all'interno dell'altare marmoreo della cripta, accanto a quelli degli altri santi dell'isola, ove tutt'ora riposano. Il giorno per il ricordo di Elia era diversamente assegnato dagli antichi calendari al 21 marzo o al 13 aprile

(Nino Ravenna)

®Riproduzione riservata